CONDIVIDI
Pallandia Melfi
Pallandia Melfi

Melfi, 2013-11-20 – Lo scorso 16 novembre a Potenza, alla palestra Sinisgalli si stava disputando una partita valida per il campionato di Prima divisione femminile: Santa Maria Potenza- Pallandia Volley di Melfi. Mentre si disputava il 5° set, sul 9-5 per la squadra potentina, quella ospite danneggiata da alcuni provvedimenti degli arbitri, protestano e la partita finisce con questo punteggio. La squadra melfitana probabilmente si ritira dal Campionato. Infuriata il Presidente della societa’ melfitana,Letizia Quaranta: “vorrei denunciare il comportamento osceno e scandaloso dei nostri giudicanti di gara:Santarsiero Alberto e Nicola Loredana.La gara procede con un primo risultato di 2 a 0 per il Melfi…poi le ragazze del Santa Maria recuperano sul terzo e sul quarto set. Già l’andamento della gara era tutto un favorire la squadra di Potenza con tantissime disattenzioni chiamiamole cosi’ da parte degli arbitri.

La sottoscritta, che oltre ad essere la presidente della suddetta società ,è anche e soprattutto un’atleta con una notevole esperienza perchè da oltre 22 anni supporta la squadra melfitana direttamente sul campo…..fino al quarto set nonostante i corposi scivolamenti degli arbitri….non si è permessa di fare nessun reclamo all’arbitro:significa che non mi sono mai e dico mai avvicinata alla sua postazione.Cosa succede al quinto set: una mia compagna di gioco ..nota che sotto rete 2 ragazze del Santa Maria per ben 4 volte hanno ripetutamente fatto invasione con mani e piedi mentre saltavano a muro.La mia compagna l’ha fatto presente al secondo arbitro che per quelle 4 invasioni consecutive è rimasta con la testa all’insu’ e quindi avendo un atteggiamento alquanto snobbistico.

Non contenta la signora Loredana…dopo i sollecitamenti della mia collega si avvicina al primo arbitro che estrae subito un cartellino giallo e poi uno rosso contro la mia amica. A quel punto il nostro allenatore ci sollecita a non giocare piu’ la partita quindi mentre le mie amiche sul punteggio di 9 a 5 per il Santa Maria raggiungono la panchina….la sottoscritta che non ha mai reclamato in 5 set(ribadisco) da capitano della squadra va dal primo arbitro e pronuncia le testuali parole:mi scusi io so’ che prima di dare un rosso ad una ragazza il regolamento dice che ci vuole un preavviso(in questo caso il giallo)poi se la ragazza è recidiva si estrae il rosso…o meglio io so che il rosso viene dato direttamente quando? in casi straordinari…. cioè di estrema scorrettezza e non era certo nel caso della mia amica!

Queste le mie parole…..assolutamente con un tono piu’ che pacato dando anche del “LEI” per rispettare la signorilità che mi rappresenta e per rispettare il mio ruolo di capitano e presidente.L’arbitro mi risponde:”Tu non capisci niente…non sai il regolamento, non hai educazione, levati di qui cretina”. Io senza dire nemmeno una parola mi giro per raggiungere le mie amiche in panchina quando l’arbitro ad un certo punto mi caccia un giallo e un rosso.A quel punto io avevo un pallone in mano e l’ho lanciato in aria.Ora ditemi voi tutti come mi posso sentire io come persona e come presidente per questo schifo che la mia società ha dovuto subire.

Io sono una persona per bene..sono quasi un avvocato ed essere trattata cosi’ da un arbitro di scarso livello non ci sto’!Non è finita qui!Quindi la gara termina sul 9 a 5 e nel caos generale mentre le mie amiche salutavano la squadra avversaria e i dirigenti della squadra avversaria come di consueto è previsto io mi sono avvicinata agli arbitri e ho detto che volevo preannunciare reclamo…..ma la coppia mi risponde di no perchè era passato già un quarto d’ora ma come è possibile?io mi sono avvicinata di corsa subito dopo l’accaduto…..Ancora …. un’altra menzogna da parte dei due arbitri:sul referto che io ho a portata di mano alle osservazioni gli arbitri scrivono che la gara è stata sospesa perchè la squadra del Melfi è uscita dal campo recandosi negli spogliatoi….bugia bugia e ancora bugia la mia squadra è uscita fuori dal campo sul punteggio di 9-5 si è recata in panchina e ha salutato le avversarie e i dirigenti come di consueto.

A questo saluto gli arbitri non c’erano perchè sono corsi nello spogliatoio. In tutto questo io correvo dietro agli arbitri per preannunciare il reclamo e allora mi chiedo; quando una giocatrice non saluta l’arbitro scatta subito la multa… e quando sono gli arbitri che vanno via senza salutare negandomi il reclamo cosa dovrebbe accadere?Un’altra nota strana:sull’ MPS il risultato è differente dal referto…perchè noi abbiamo lasciato il campo sul punteggio di 9 a 5 ma sul referto si evince che la gara si è conclusa sul 15 a 5.Ma qualcuno deve denunciare queste stranezze si o no?

Da presidente di una società e maltrattata così, rispondo si..Ora c’è un problema:noi affrontiamo questo campionato in 8…siamo contate …in piu’ abbiamo perso una ragazza per un infortunio gravissimo 5 giorni fa……quindi una squalifica a me ingiusta e alla mia collega altrettanto ingiusta…..non fa altro che da presidente farmi prendere una decisione amara:quella di ritirare la squadra dal campionato!Come presidente non posso permettere che i sacrifici di tanti anni e lo sforzo delle mie ragazze possa andare vano per le decisioni di due incompetenti. I dirigenti del Santa Maria sono testimoni di quanto accaduto”.

Lorenzo Zolfo