Home Vito Angelo Colangelo – Vita ed opere

Vito Angelo Colangelo – Vita ed opere

Vito Angelo Colangelo

Matera, dove ha vissuto fino al 2006, quando si è trasferito a Parma per ragioni familiari. Laureato con lode in lettere antiche presso l’Università Federiciana di Napoli, ha accompagnato sempre la sua attività d’insegnante con un notevole impegno socio-culturale, collaborando peraltro per molti anni a quotidiani e a periodici locali (Lucania, Basilicata sette, La voce dei calanchi, Fermenti, Leukanikà). E’ autore di testi di videoclip e di guide informative sulla storia di comunità dell’alto materano, tra cui si ricordano: Stigliano,il paese dimenticato; Aliano, il paese di Carlo Levi verso il 2000; Eventi folcloristici e socio-culturali; Aliano oltre il 2000: fra memorie e speranze nel nome di Carlo Levi.

Ricca è anche la produzione saggistica. Nel 1994 ha pubblicato Gente di Gagliano – Ritratti di personaggi leviani, che ha ricevuto unanimi consensi di pubblico e di critica; il saggio, ristampato nel 1996, è stato tradotto in tedesco da Christa Droth-Wagner dell’Università di Leeds. Oltre ai giudizi molto positivi di Giovanni Russo (nella prefazione e in Lettera a Carlo Levi, Editori Riuniti), Giovanni Battista Bronzini (ne Il viaggio antropologico di Carlo Levi, Dedalo editore), Pio Rasulo dell’Università di Lecce e Gilberto Marselli dell’Università di Napoli, si ricordano le citazioni in molti studi leviani (tra gli altri, Le donne del Sud e l’arte di Carlo Levi di Daniela Bini dell’Università di Austin nel Texas e L’imitazione dell’eterno, Schena editore di Donato Sperduto).

Del 2003 è Un uomo che ci somiglia, un saggio sulla vita e sull’opera di Carlo Levi pubblicato per il centenario della nascita dell’artista torinese. Per queste prime due opere ha ricevuto riconoscimenti dal Circolo Culturale alianese “Nicola Panevino” e dalle Amministrazioni Comunali di Aliano e di Castelsaraceno.
Nello stesso anno, con il patrocinio del prestigioso Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, è uscito presso l’editore Bruno di Potenza Il Maestro di humanitas: l’opera, dedicata all’insigne barnabita e filosofo stiglianese Vincenzo Cilento, il quale ebbe un lungo ed intenso sodalizio umano e intellettuale con Benedetto Croce, nel 2004 meritò una segnalazione al Premio Letterario Nazionale “Basilicata”.

Nel 2006 pubblica Migrazioni e migranti tra storia, cronaca e letteratura, un saggio ben documentato ed avvincente sul fenomeno delle migrazioni umane, indagato dal punto di vista storico e letterario, che gli è valso un ulteriore riconoscimento fuori concorso nella XI edizione del Premio Letterario Nazionale “Carlo Levi”.

Del 2008 è Cronistoria di un confino – L’esilio in Lucania di Carlo Levi raccontato attraverso i documenti, che ha avuto forte risonanza sulla stampa nazionale, come dimostrano gli ampi servizi di Nello Ajello su la Repubblica, Giovanni Russo sulla Terza pagina del Corriere della sera, Nicola Coccia sul Quotidiano Nazionale (la Nazione, Il Resto del Carlino e Il Giorno), Michele Fumagallo su Il Manifesto, Andrea Di Consoli su Il Riformista, Giuseppe Lupo su Il Quotidiano della Basilicata.
Nel 2010 esce, come i due precedenti, per i tipi di Scrittura & Scritture di Napoli, L’avventura di un Premio Letterario, su fatti e protagonisti del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi di Aliano. Il libro è stato favorevolmente recensito da Antonietta Latino su La voce dei calanchi, da Nunzio Festa su Il Quotidiano della Basilicata, da Isabella Spagnoli su La Gazzetta di Parma e da Dorina Ripullone su La Gazzetta del Mezzogiorno.

Nel 2007 ha ricevuto il Premio Verrastro, dedicato alla memoria del primo Presidente della Regione Basilicata, «in riconoscimento della nobile attività educativa e culturale».
Ha partecipato come relatore ufficiale a convegni su Carlo Levi e sul meridionalismo a Eboli (SA), a Giaveno (TO), a Cardano al Campo (VA), a Bari, a Taranto e a Bologna ed è componente della giuria del Premio Letterario Nazionale “Carlo Levi”.

Nel 2012 presenta a Gorgoglione, in provincia di Matera,«Storia di un’anima» saggio sulla vita e sugli scritti di Giuseppe De Rosa padre gesuita membro dal 1958 della redazione della rivista, La civiltà Cattolica.

Nota. Le recensioni delle ultime tre opere sono disponibili, in versione integrale, nella rassegna stampa del sito (www.scritturascritture.it) della casa editrice Scrittura & Scritture.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here