CONDIVIDI
Vietri di potenza alcuni degli organizzatori
Vietri di potenza alcuni degli organizzatori

Vietri di Potenza – Ormai non è più il tempo delle parole che muoiono. Ora è il tempo dell’armonia senza fine. È il tempo della musica.Ed è nella musica che c’incontreremo, ogni volta che lo vorrai.”
Eroe del romanzo è Totonno, un tenore di Vietri di Potenza, che con la sua famiglia si trasferisce a Napoli negli anni ’60 e, dopo varie peripezie, riesce a coronare il sogno di cantare nel teatro San Carlo.

Il tenore vietrese si fa profeta della valenza messianica della Musica, Armonia senza tempo, capace di sospendere il tempo e quindi di annientare i suoi figli: il dolore e la morte.
Si ringrazia Emilio Navarra, responsabile e anima di “Vietri storica” e la professoressa Carla di Stasio per l’amorevole impegno profuso per la realizzazione di questo evento.

Sono intervenuti voci e menti autorevoli del panorama culturale vietrese e lucano:
Ludovico di Stasio, professore emerito
Rocco Brindisi, poeta e scrittore
Christian giordano, responsabile de i “Teatrando”
Franca Coppola, presidente dell’Associazione “Le ali di Frida”
Emilio Navarra, responsabile del gruppo “Vietri storica”.
(Non temete, gli amici che vi ho presentati si limiteranno a esprimere un pensiero, leggero, breve, e colorato come lo svolazzare di una farfalla).
Interventi musicali a cura del Maestro Carmine Viggiano.
Fiore all’occhiello della serata è stata la partecipazione straordinaria dei vietresi e la straordinaria partecipazione dei vietresi.
A moderare l’evento la dottoressa Giusy Gatto, medico responsabile dell’AVIS di Vietri di Potenza.
A leggere alcuni brani del romanzo:Lina Argia Passannante, Rosa Pitta, Federica Felitti.

L’evento è stato inoltre allietato dalla rappresentazione del capitolo del romanzo “Il Colonnello dalla triste figura”, ad opera di attori vietresi non professionisti e quindi più che veri, come sarebbe piaciuto al genio di Pasolini, che hanno messo in scena la trasposizione teatrale di tale capitolo ad opera del genio eclettico di Emilio Navarra.