CONDIVIDI

Ripacandida galleria la incompiuta
Ripacandida galleria la incompiuta

Ripacandida-Ginestra, 2014-02-26 – Finalmente una bella notizia per le comunità di Ripacandida,Ginestra e Venosa, sono ripresi i lavori sull’Oraziana, e precisamente sul 3° lotto, Ripacandida-Ginestra, i cui lavori erano fermi da anni. Una notizia che fa ben sperare. Ad aggiudicarsi i lavori l’ItalImpresa di Potenza, la stessa che sta realizzando i lavori sul IV° lotto, Ginestra-Venosa, i cui lavori,fermi dall’aprile 2013, riprenderanno nel mese di marzo. L’incontro tra il Comitato Cittadino di Ripacandida ( erano stati invitati anche i Comuni, ma evidentemente sembra che non interessi), presieduto da Antonio Lettieri, insieme al consigliere regionale Aurelio Pace con l’assessore provinciale alla viabilità, Nicola Valluzzi, dei giorni scorsi, effettuato a Potenza, ha sortito un’accelerata per questa strada.

I tempi di ultimazione dei lavori sono completamente saltati. Entro il 2012 l’intero tratto doveva essere realizzato e “si potrà raggiungere Rionero, da Venosa, in poco più di 10 minuti di tempo” aveva sostenuto l’assessore Valluzzi, alla presentazione di questa strada ad un incontro del PD a Venosa, alcuni anni fa. L’unico tratto di strada aperto al transito dei veicoli è quello riguardante il I e II lotto, che da  Rionero conduce a Ripacandida, di poco più di sei km. Il III lotto Ripacandida-Ginestra è quello che sta creando i maggiori problemi per la realizzazione di questa strada, si sta costruendo una galleria lunga circa 400 metri, lavori eseguiti per l’80% e l’ultimazione dei lavori era previsto, da stime fatte dalla Provincia, entro giugno 2010.

Questo tratto doveva essere ultimato nel 2008, come stabilito il giorno di inizio dei lavori ( 4 dicembre 2007) dall’ impresa aggiudicatrice dei lavori e tecnici provinciali. Ma durante i lavori sembra sia stata riscontrata, sul tracciato, una cava di sabbia del pleistocene, sfuggita alle indagini preliminari geologiche e geognostiche. Inoltre, a detta di qualche esperto, ad inizio lavoro, si è voluto scavare la galleria dalla parte di Ginestra, in contropendenza, tanto da far accumulare acqua sul fronte dello scavo che ha prodotto smottamenti e frane ed ostacolato ed impedito il proseguimento dei lavori. Tante incognite incombono per questa strada che da maggio, con le province eliminate, chi avrà la competenza?