CONDIVIDI
Viabilità Venosa-Ginestra ingresso abitato di Venosa
Viabilità Venosa-Ginestra ingresso abitato di Venosa

Venosa, 2013-12-09 – Un sospiro di sollievo per chi raggiunge Venosa dalla strada provinciale n° 10 IV tronco diramazione Ginestra. L’amministrazione comunale, si sostituisce alla Provincia (visto che la competenza spetta alla Provincia) e chiude alcune buche di grosse dimensioni, proprio all’ingresso della cittadina. A provvedere l’ufficio tecnico del Comune, che già un mese fa aveva preparato l’impegnativa di spesa e giovedì è stata deliberata dal Commissario Prefettizio, Rosa Correale che amministra questo Comune dal luglio scorso. Certo, si poteva intervenire prima per evitare giudizi negativi da parte dei tanti utenti di questa strada, che quotidianamente raggiungono Venosa per motivi di lavoro.

Anche il commissario prefettizio, Rosa Correale, che amministra il Comune di Venosa, dal luglio scorso, due volte la settimana, partendo da Potenza, passa per questa strada, che ha bisogno di altri lavori di miglioramento, in primis la copertura di alcuni tombini, che creano dislivelli spaventosi dal manto stradale.

Adesso tutti si prenderanno il merito di aver richiesto e sollecito il miglioramento di questo tratto di strada che immette all’abitato di Venosa. Una cosa è certa, Venosa ha due consiglieri provinciali, Gammone e Dileo, tre neo eletti consiglieri regionali, Castelgrande, Leggieri e Mollica, un numero sufficiente che potrebbe far convogliare tanti finanziamenti per il miglioramento reale di questa strada e non soldi, fino ad ora, giunti e spesi male!  Alessio Miracolo, un dipendente di una catena alimentare, abita nella nuova zona di contrada Vignali, proprio dove campeggiavano a cielo aperto queste buche,ed ogni volta che si ritirava a casa imprecava contro i responsabili di questa strada.

E’ venuto a conoscenza di questo intervento chiusura-buche da amici, mentre era ancora al lavoro: “è un miracolo (scusate il bisticchio di parole), finalmente dopo circa 8 ore di lavoro, posso ritornare a casa senza fare zig-zag con la macchina. Chi è stato, sicuramente il Comune, ci ha fatto un buon regalo di Natale. Non è possibile venire meno ad uno dei compiti principali di un Ente responsabile delle strade, assicurare la sicurezza di chi vi transita. Siamo nel 2013 ed il Vulture ha strade provinciali da terzo mondo”.

Lorenzo Zolfo