CONDIVIDI

Venosa – Valorizzato Palazzo Bagnoli di via Vittorio Emanuele grazie alla musica di qualità. . L’Ateneo Musica Basilicata, diretto da Giovanna D’amato, in continuità con la sua decennale attività di diffusione della cultura musicale anche attraverso la valorizzazione del territorio regionale e dei suoi beni, prosegue nel percorso già intrapreso felicemente con le edizioni di Musica ACastello con la proposta di una particolare rassegna dal titolo “la Musica nella storia, Palazzi storici della Basilicata in musica…fra salotti e rosoli”. Venosa è stata tappa di questa rassegna. Palazzo Bagnoli, in pieno centro storico, è stato il salotto che ha ospitato l’Arte delle corde. Luciano Pompilio & Quartetto Boccherini si sono esibiti davanti ad una vasta platea. Luciano Pompilio si diploma in chitarra classica nel 1990 presso il conservatorio “Giordano” di Foggia. Dopo importanti esperienze solistiche e con varie formazioni, si è unito in duo con G.Caputo imponendosi alla’attenzione della stampa e degli addetti ai lavori vincendo in questa formazione 15 primi premi, tra i quali spicca il concorso di Montelimar (francia), il concorso più importante al mondo per duo di chitarra. E’ direttore artistico del festival Internazionale di chitarra “Città di Manfredonia” e della stagione concertistica “In Concerto” a San giovanni Rotondo. E’ docente di chitarra presso istituti statali. Il Quartetto Boccherini era composto da Ferdinando Trematore, violino; Angelo De Magistris, violino; Michele Trematore, viola; Daniele Miatto, violoncello. Hanno eseguito di Boccherini, Quintetto in re minore per chitarra e quartetto d’archi. Introduzione, Minuetto,Fandango; di F.J. Haydn, Quartetto op.76 in re minore (Le Quinte):Allegro; Andante, Minuetto,Rondò. F.De Fossa, Quartetto op.19 per chitarra e trio d’archi:Lento;Allegro,lento;Minuetto; Rondò. M.D.Pujol,Suite Buenos Aires pour guitar et quator à cordes Pompeya;Palermo;San Telmo;Microcentro. Il Pubblico competente, alla presenza del prof. Pino Lioy, direttore di orchestra, del Sindaco, avv. Bruno Tamburriello, vice Sindaco dott. Pietro Visaggio, assessore Buompensiere, l’assessore provinciale alla cultura Francesco Pietrantuono, consiglieri provinciali Tommaso Gammone e Giuseppe Dileo, ha gradito il concerto ed anche il rosolio accompagnato da stuzzichini offerto dai proprietari, Famiglia Francesco Bagnoli. Il Sindaco Tamburriello ha riferito: “ finalmente la musica di qualità entra nei palazzi storici di Venosa, come il palazzo Bagnoli. Altri palazzi della nostra cittadina, Lauridia (Dardes) e Palazzo Rapolla meritano il pieno recupero e riuso. Venosa ha dato i natali a Carlo Gesualdo, noto come Gesualdo da Venosa è stato un valente compositore italiano. Eccelse nella musica polifonica, fu compositore di madrigali e di musica sacra ed è considerato, da alcuni, il più famoso madrigalista del suo tempo. L’anno prossimo ricorrono i 400 anni della sua morte e pensiamo di realizzare un ricco cartellone musicale in sua memoria”. Il prof. Donatino Maiorella, docente di storia, ha descritto minuziosamente le caatteristiche del palazzo Bagnoli. L’assessore alla cultura della provincia di Potenza, Pietrantuono ha esaltato questo progetto patrocinato anche dalla Provincia che mira a valorizzare e sensibilizzare, attraverso il connubio con manifestazioni di pregiato livello musicale, gli edifici storici della Basilicata che spesso rappresentano monumenti simbolo della comunità. Il proprietario del palazzo, dott. Francesco Bagnoli ha ringraziato le autorità e i presenti.
Lorenzo Zolfo