CONDIVIDI

Venosa – Erano 32 anni che il primato regionale di salto in alto non veniva migliorato, lo deteneva A.Farina (Scotellaro Matera) che saltò 2 metri in un meeting di atletica leggera a Taranto nel maggio del 1980. Lo scorso 15 luglio allo stadio “Poli” di Molfetta, il diciannovenne venosino Alessandro Laurano, nato il 17 dicembre del 1993, gareggia per la Scotellaro Matera, presieduto da Emanuele Vizziello, ha saltato 2 metri e 1 cm, migliorando il record regionale. Un grazie va anche al prof. Elettrico, tecnico della Scotellaro, di questo prestigioso risultato conseguito da Alessandro Laurano, che ha iniziato ad avvicinarsi all’atletica leggera con la sua scuola, l’I.I.S. “Battaglini” di Venosa, in seconda superiore, partecipando ai giochi sportivi studenteschi a Matera ad una finale regionale di salto in alto, mentre saltava è stato osservato dalla società polisportiva Rocco Scotellaro e da qual momento è nato un feeling. Poi ha continuato a fare gli allenamenti in palestra e andando a Matera al campo scuola per perfezionare lo stile. Ha partecipato a varie gare nazionali. Nel 2011 riesce a saltare 1’98 assicurandosi la partecipazione alle gare nazionali di Bressanone. Quest’anno ha partecipato ai giochi sportivi studenteschi con la sua scuola a Potenza arrivando Primo, poi a Foggia arrivando tra i primi tre, al trofeo Moramarco di Venosa dello scorso 1 luglio, pur vincendo, si è fermato a 1,94 alla presenza dei numerosi familiari che lo seguono ad ogni appuntamento importante. La vittoria di Melfetta con nuovo record regionaledi 2’01 applaudito ed invidiato dal numeroso pubblico pugliese, suggella un anno ricco di soddisfazione di questo giovane venosino che ha preferito dedicarsi all’atletica leggera, preferendolo agli sport più praticati. Avvicinata il giorno dopo il record stabilito a Molfetta, la madre Antonella Amarina riferisce: “ già da tanto tempo serbava l’idea di superare i 2’00, finalmente è riuscito a concretizzare questo sogno”. Alessandro entusiasta ha aggiunto: “ entro anch’io a far parte della storia dell’atletica lucana.Le prospettive sono buone in questa stagione, arrivare almeno a 2’07 e poi andare oltre per gareggiare meglio a livello nazionale. La soddisfazione è grande,ho ricevuto complimenti da molte persone e la società è molto contenta. Mi auguro che si avvicinino sempre più giovani all’atletica,considerata la regina degli sport, anche se in Basilicata è così difficile andare incentivare i giovani allo sport”.

Lorenzo Zolfo

La foto riprende Alessandro Laurano