CONDIVIDI

I tre vincitoriVenosa, 2013-01-15 – Per una settimana la Sala “Riondino Biliard” ha ospitato un torneo interprovinciale di Biliardo nel quale ha visto la partecipazione di ben 144 giocatori, la maggior parte proveniente dalle regioni limitrofe. Dopo almeno un decennio, ritorna il Biliardo che conta nella cittadina oraziana, grazie al gestore di questa sala, Salvatore Riondino ex campione italiano di Biliardo che in collaborazione con Cesare, ha organizzato questo torneo che ha coinvolto l’intera cittadina per la presenza tra i giocatori dell’ex campione mondiale ed italiano, Michelangelo Aniello di Mola di Bari (nel 2006 in una settimana vinse tre titoli, campionato del mondo, campionato italiano di singolo e doppio). Presenti il presidente della F.I.Bi.S. pugliese, Luigi Bramato, quello della provincia di Potenza, Antonio Piscitelli di Venosa, a fungere da direttore di gara,Luciano Cassatella di Barletta che si è avvalso della collaborazione di arbitri locali (Lichinchi, che ha arbitrato la finale, Natale,Lentini, Deputato e Sinisi, quest’ultimo un decano venosino di questo gioco).Di Venosa hanno partecipato 8 giocatori, il migliore è stato Ivano Carbone, eliminato ai quarti dall’ex campione italiano, Salvatore Riondino, giunto 3° nella classifica finale. A vincere è stato un sorprendente salernitano di Eboli,Michele Gatta di 35 anni ( porta a casa mille euro,non ha mai vinto campionati di prestigio, l’unico piazzamento di riguardo è stato il 9° posto ai campionati italiani di Saint Vincent del 2010) che ha battuto per 2-1 l’ex campione mondiale ed italiano, Michelangelo Aniello, vincitore di 150 trofei.

Al terzo posto, Salvatore Riondino.. Il direttore di gara Cassatelli, prima della premiazione dei vincitori, si è complimentato con gli organizzatori per aver fatto giungere a Venosa giocatori di buon livello ed ha avuto parole di elogio per il presidente provinciale Antonio Piscitelli e Michele Sinisi, che hanno dato tanto a Venosa per la diffusione di questo sport.Michelangelo Aniello, ex campione del mondo,prima della finale, ha parlato di questa disciplina sportiva: “da quando sono diventato anche istruttore federale, il mio obiettivo è quello di diffondere questo sport, considerato ancora minore, anche nelle scuole. In questo gioco, considerato una vera e propria lezione, ci vuole concentrazione, calcolo, precisione, geometria, matematica e fisica. Nel nord Italia, la federazione ci ha già anticipato”. Tanti gli spettatori, tra questi Cesare, Nicola e Andrea di Venosa, hanno seguito tutte le fasi: “ finalmente dopo decenni  il Biliardo viene rivalutato grazie agli organizzatori che sono stati capaci di avvicinare per una settimana anche persone che il più delle volte oziano in questa cittadina”. Il vincitore Michele Gatta ha spiegato i motivi del suo successo: “durante il gioco ci sono stati più segnali di rimonta, questa è stata la molla che mi ha portato alla vittoria finale”.

Lorenzo Zolfo

Le foto riprendono i primi tre classificati (da sxi Aniello, l’ex campione del mondo, il vincitore Michele Gatta e Salvatore Riondino ex campione italiano)