CONDIVIDI
Venosa guida turistica con alunni del Liceo classico
Venosa guida turistica con alunni del Liceo classico

Venosa – E’ dal 1987 che si svolge nella cittadina oraziana, il Certamen Horatianum, la prova di Latino, riservata a tutti i Licei Classici d’Italia e d’Europa. Quest’anno erano previsti l’arrivo di 116 studenti italiani e scuole straniere ( Romania, Austria,Ungheria e Bulgaria), alla fine sono giunti 95 studenti delle scuole italiane e 10 delle scuole straniere. Un evento culturale internazionale ormai consolidato ed annoverato dal Miur tra le migliori competizioni scolastiche che promuovono le eccellenze. E’ una manifestazione che si svolge con l’adesione del Presidente della Repubblica e sostenuta da diverse istituzioni di rilievo (Unesco, Miur, Università degli Studi della Basilicata, Regione, Provincia). A questa gara partecipano studenti delle classi quarte e quinte dei Licei Italiani ed esteri ( Classico, Scientifico e Scienze Umane,questi due ultimi indirizzi  una novità introdotta nel 2014) per cimentarsi nella traduzione o raffigurazione pittorica,con la partecipazione dei Licei Artistici, altra novità introdotta nel 2014, di alcuni brani del poeta venosino, Quinto Orazio Flacco. La prova consiste nella traduzione di un testo oraziano integrato da risposte a quesiti linguistici e storico-letterari relativi al brano proposto. Ai candidati dei Licei Artistici, indirizzo arti figurativi, invece, viene richiesto di produrre, in estemporanea, una personale interpretazione grafico-pittorica di un testo oraziano corredato da una traduzione in lingua italiana, inglese o tedesca. A questa manifestazione, che prevede convegni di studi su temi di cultura classica e didattica del latino di ampio respiro, sono intervenuti relatori di grande respiro italiani ed internazionali, da Cacciari, a Carena, Baricco, Biondi, Boncinelli,Giorelli, Holzberg, Massarenti, Wulfing, per citarne solo alcuni. La commissione tecnica-scientifica, presieduta dal prof. Paolo Fedeli, Accademico dei Lincei, è composta da docenti universitari, di Greco, Latino ed Arte.

Per l’intera durata del Certamen, dal 17 al 19 aprile, diversi sono stati gli eventi  programmati: le celebrazioni dei 50 anni dell’istituzione del Liceo Classico,svolte il 18 aprile nell’aula magna della scuola alla presenza di ex alunni del Liceo Classico, alcuni giunti anche da lontano; l’installazione degli ombrelli sotto il cielo di Venosa, che parte da piazza Castello, e’ un espressione di accoglienza artistica che l’Associazione Familiari Antistigma Alda Merini ha inteso realizzare per gli studenti e professori italiani e stranieri che hanno partecipato al Certamen Horatianum del 2015. ‘C’e’ sempre un modo creativo per proteggerci dalle piogge dei pregiudizi!’ Sempre in occasione del Certamen l’I.I.S.S. Flacco Venosa, ha permesso a circa 100 tra docenti e studenti, di visitare, nella giornata del sabato pomeriggio la città di Matera, i cui Sassi sono stati riconosciuti nel 1993, patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Di recente nominata Europea della Cultura 2019, prima città del meridione italiano a ricevere questo titolo. E’ stata data la possibilità agli ospiti di visitare il percorso oraziano, vale a dire i siti di maggiore interesse culturale, monumentale ed architettonico della cittadina venosina, con guide costituite dagli stessi alunni del liceo Classico e Scientifico, sotto la guida dei docenti P.Falcone e S.Mollica. Altro evento collaterale al Certamen, è stato organizzato una lotteria con premi messi a disposizione da esercizi commerciali ed aziende vitivinicole di Venosa e dei paesi limitrofi, tra questi uno dei migliori vini della zona, “Cantina Terre degli Svevi” diretta da Paolo Montrone, presidente dell’Enoteca regionale, che ha messo in palio una delle etichette di vino, “Serpara”, classificatasi tra le 100 migliori italiane e che ha ottenuto il riconoscimento da Whine Spectator, la più importante rivista enologica a livello internazionale che ha selezionato e classificato i vini di ogni parte d’Italia. Ecco i vincitori, premiati anche dal Sottosegretario di Stato alla Pubblica Istruzione, Angela D’Onghia, presente insieme ai consiglieri regionali, Franco Mollica, Aurelio Pace e Carmine Castelgrande, del Certamen Horatianum 2015.

PREMI SEZIONE ITALIANA

certamen classifica