CONDIVIDI
Venosa regionali Gianni Leggieri M5S sull'Oraziana
Venosa regionali Gianni Leggieri M5S sull’Oraziana

Venosa, 2014-01-06 – Non si placa la protesta nella cittadina oraziana, sulla chiusura dell’ufficio dell’acquedotto lucano a partire dal 2 gennaio. Per i dirigenti dell’ufficio centrale di Potenza è una chiusura temporanea per una riorganizzazione e ristrutturazione della sede operativa, per i cittadini di Venosa sembra una chiusura definitiva, in quanto non è stato rinnovato il contratto di fitto dei locali dove è ubicato l’ufficio. Chi ha ragione? Intanto, per qualsiasi chiarimento di una bolletta i cittadini di Venosa, Ripacandida, Lavello e Ginestra, un bacino di oltre 30 mila abitanti, devono recarsi a Melfi! 

Appresa la notizia di questa chiusura dell’ufficio di Venosa, il neo consigliere regionale del M5S, Gianni Leggieri, riferisce: “ Inizia male l’anno nuovo per Venosa. Diversi cittadini sono rimasti increduli nel constatare l’avvenuta chiusura degli uffici dell’Acquedotto Lucano di Venosa.

Uffici chiusi. Dipendenti amministrativi e tecnici trasferiti in fretta presso le sedi di Potenza e Melfi. Nessuna comunicazione o avviso ai cittadini. Siamo alle solite. Un altro servizio che viene portato via dalla città oraziana per ragioni ancora tutte da chiarire. Non è possibile continuare ad assistere inermi alla spogliazione di questo territorio.

Il Movimento 5 Stelle di Venosa e il neo consigliere regionale Leggieri chiedono pertanto di conoscere nel dettaglio la situazione degli uffici di Venosa dell’Acquedotto Lucano. E’ indispensabile fare chiarezza. Vogliamo subito spiegazioni. Vogliamo conoscere la situazione reale e capire se effettivamente la chiusura è solamente temporanea o meno. L’impegno è quello di arrivare alla verità e di trovare una soluzione positiva per tutti, cittadini e dipendenti”.

Lorenzo Zolfo