CONDIVIDI

Venosa (PZ) – Una serata, quella del 4 marzo, all’insegna della musica al ristorante L’Oasi. Ad organizzarlo gli studenti dell’ultimo anno di studi del “Quinto orazio Flacco” e del Battaglini” di Venosa. Protagonisti della serata:Andrea Sardo e Federico Siciliano.

Il primo classe ’95, ha iniziato a suonare già all’età di tredici anni prendendo ispirazione da alcuni deejay locali che hanno fatto nascere in lui questa voglia di esprimersi.

Come molti Dj emergenti, ha incominciato dai piccoli locali, ai party con gli amici, salendo pian piano di grado conquistando la fiducia di chi lo ha sempre supportato. Nel 2010 entra a far parte di  “Blacksheep”, un’organizzazione del posto nata con l’obiettivo di  valorizzare i giovani locali e intraprendendo collaborazioni con altre realtà a favore della prevenzione ai problemi che sono presenti nell’ambito del mondo della notte, come l’abuso di alcol e di droga.

Nel 2013, Houserepublic, una nota agenzia catanese, accorgendosi di Andrea, decise di farlo suonare in uno dei migliori festival estivi che richiama persone da tutta la Sicilia, il “Tenda Party” che ogni anno si svolge a Giardini Naxos (ME). La passione è stata così forte che ha dpinto il giovane Sardo a sperimentare e a produrre musica, seguendo il suo genere preferito: House music.

Un mese fa, una nota casa discografica italiana ha accettato due sue demo, decidendo di far firmare al Dj un contratto pubblicando quindi le tracce in modo esclusivo nei migliori negozi di musica elettronica online, come iTunes, Beatport, Traxsource. L’altro protagonista, Federico Siciliano. classe ’94 direttamente da San Cataldo (CL). Ha iniziato a suonare davvero giovane strimpellando il pianoforte di casa.

Col passare degli anni però, dopo aver vinto svariati concorsi nazionali e internazionali per pianoforte, è riuscito ad aprire la mente ad altri generi incominciando ad acquistare i primi vinili di genere funky e house. Come la maggior parte dei Dj emergenti, ha iniziato dai bar, dai pub, ai party privati con gli amici ed è stata sempre una continua crescita. Ma la svolta avvenne quando Houserepublic, una nota agenzia catanese, si accorse di lui. Lì cambiò tutto….

Venosa MAK P100 con Andrea Sardo e Federico Curatolo
Venosa MAK P100 con Andrea Sardo e Federico Curatolo

Nel 2010, a 16 anni era il più giovane dj a suonare in un evento come il Rizla Event, con migliaia di persone. Ma oltre a quello e alle svariate edizioni, iniziarono altre collaborazioni con la maggior parte delle organizzazioni della Sicilia: da Catania (Fire e Houserepublic) a Enna (Crop of Music), Caltanissetta (Blacksheep, Elite, Noizer) e altre città.

La sua tenacia e il suo talento, lo hanno portato a suonare in quasi tutta l’isola specialmente con dei dj molto importanti e professionalmente impeccabili come Gregor Tresher, Jamie Jones, Mathias Kaden, Fabio Giannelli, Marco Faraone, Ilario Alicante, Luca Agnelli, Alex Neri e tanti altri. Nello stesso anno in cui partì il rapporto con Houserepublic, incominciò a produrre partendo con release di genere House uscite in digitale (solo MP3), passando poi a quelli in solo Vinile.

Così iniziarono le release più importanti con label in vinile tedesche, americane e inglesi. La prima fu un VA (various artists) su Houseworx Records, passando suMovida Records (etichetta affiliata a Cocoon), la quale traccia fu suonata da un bel po’ di big comeLoco Dice, Richie Hawtin, Dubfire. Ma una conquista ancora più grande è nata con gli EP personali.

Uno su Pathway Traxx e un altro su124Recordings riuscendo a vendere quattrocento copie in una sola settimana. Roba da non credere! Peraltro quest’ultima release (specialmente la traccia “House Music”) è stata suonata e inserita in chart più volte da Ryan Elliott (dj del Berghain a Berlino), Radio Slave (proprietario di Rekids) e Leon(direttamente dal festival Music On), i quali sono in contatto personalmente con Federico per avviare un percorso di collaborazione.

Inoltre Curatolo fa parte di un gruppo organizzativo locale“Blacksheep”, ideato da Gianmarco Fichera e Andrea Gervasi, con il quale organizzano eventi valorizzando i giovani locali e intraprendendo collaborazioni con altre realtà. Le principali attrazioni sono senza dubbio gli eventi targati “In love Edition” che riescono a smuovere migliaia di persone al divertimento sano e civile.

Proprio per quest’ultimi motivi lui è d’accordo a ogni tipo di sensibilizzazione a favore della prevenzione ai problemi che sono presenti nell’ambito del mondo della notte, come l’abuso di alcol e di droga. Fa pure parte di un’agenzia booking “Beat of Life”, con la quale sta organizzando il suo primo tour mondiale che prenderà il via il prossimo anno.

Il suo manager Giuseppe Grillo, uno dei promotori dell’Amnesia a Milano, è molto contento di averlo nel suo Roster riuscendo a trasmettergli tanta energia e voglia di fare raggruppando giovani musicalmente interessanti da tutta Italia come Just a Mood, Di Chiara Brother’s, Alessio Collina, Mennie e altri, per poter far vedere che in Italia c’è qualcosa di buono..