CONDIVIDI
Venosa Concerto con Roberta lioy
Venosa Concerto con Roberta lioy

Venosa, 2013-12-17 – La chiesa di San Domenico, lo scorso 14 dicembre è diventato ufficialmente un culto della Musica.In occasione dei 400 anni della morte di Carlo Gesualdo da Venosa, il madrigalista più famoso del Rinascimento, nativo di Venosa, Il Consorzio “Recuperiamo San Domenico”( composto dalle seguenti associazioni: Associazione culturale e musicale “Carlo Gesualdo”, Ass. Culturale e musicale “L.Tansillo”; Ass.Culturale “Accademia dei Rinascenti”, Ass.Musicale Complesso Bandistico “G.Albergo” Città di Venosa; Cattedrale di S.Andrea, che proprio nei giorni scorsi ha firmato con la Diocesi di Melfi e Rapolla una convenzione per il recupero della Chiesa di San Domenico di Venosa, finalizzato al suo riutilizzo, per un periodo di sette anni, come importante risorsa e punto di riferimento per la realizzazione di eventi musicali e culturali.) ha inaugurato questa sede con un bel Concerto del Conservatorio musicale di Matera, nel quale si è esibito l’Orchestra Sinfonica “E.Duni” con la partecipazione straordinaria della venosina Roberta Lioy, allieva del Conservatorio di Matera, che ha entusiasmato il numeroso pubblico presente  nel Concerto per Violino di Tchaikovsky.

Il presidente del Consorzio “Recuperiamo San Domenico”, prof. Giuseppe Lioy, docente di educazione musicale e direttore d’orchestra, ha detto: “la presenza del direttore del conservatorio di Matera, prof. Vizziello, di Giovanna D’Amato, dei due Vescovi, Todisco e Talucci ci onora questa sera. Un importante traguardo è stato raggiunto dalla nostra associazione, l’apertura di un contenitore culturale e musicale nel quale tutta la cittadina di Venosa potrà farne uso. Ringrazio tutta la città di Venosa ed i benefattori che hanno contribuito alla realizzazione di questo sito”.

Il direttore del conservatorio musicale “Duni” di Matera, Saverio Vizziello ha aggiunto: “ è il 3° concerto che il nostro conservatorio tiene in ricordo del madrigalista venosino, Carlo Gesualdo. Questa sera, l’orchestra sinfonica sarà diretta da quattro valenti direttori d’orchestra,Giuseppe Salatina, Maria Sasso di Bisceglie, Grazia Giusto di Matera e Tommaso Dimattia di Gravina in Puglia. I brani che saranno eseguiti sono: Grieg Suite; Tchaikovsky, concerto per violino; fantasia su Carlo Gesualdo da Venosa; Carmen di Bizet. Un’ora e mezza di musica che ha entusiasmato, soprattutto l’esecuzione della solista al violino Roberta Lioy che dato prova della sua bravura con questo strumento fino al punto da conseguire, proprio quest’anno, l’ambizioso premio “Allievo 2013”. A fine concerto, il Vescovo della Diocesi di Melfi-Rapolla e Venosa, padre Gianfranco Todisco si è complimentato con gli organizzatori e protagonisti di questa serata: “ mi avete emozionato, in questa chiesa, diventata sede di assaggio musicale. Abbiamo avuto la prova di come noi possiamo elevare l’anima a Dio e toccare la bellezza della musica.

Virtuosismi pefetti attraverso le note. Anche un semplice battito di tamburo emana delle belle melodie. Vi aspetto numerosi all’inaugurazione”. La violinista Roberta Lioy ha ricevuto un mazzo di fiori dalla sua compagna di scuola, Federica. Ha svelato il segreto di questa sua bravura: “ aspettavo questo momento da una vita. A 8 anni mio padre mi ha portato a Matera a vedere un concerto dell’orchestra della Magna Grecia che ha eseguito il concerto per violino di Tchaikovsky. Alla fine di quel concerto mio padre mi disse: “quando arriverai tu a suonare questo concerto?”.  E io gli dissi fra poco..ma in realtà pensavo che non ce l’ avrei mai fatta..invece ce l’ho fatta! Anche se sono trascorsi 10 anni!”.

Lorenzo Zolfo