CONDIVIDI
Venosa incontro tossicodipendenza col capitano carabinieri Varriale
Venosa incontro tossicodipendenza col capitano carabinieri Varriale

Venosa (PZ), 06/04/2014 – Presso l’aula magna dell’I.I.S.S. “Quinto Orazio Flacco” è stato portato a compimento, lo scorso 31 maggio, il progetto “Adolescenti a rischio di tossicodipendenza” dagli alunni di 3 C, coordinati dalla prof.ssa Tancredi, docente di Diritto ed Economia. A portare i saluti, a nome del dirigente scolastico, prof.ssa Mimma Carlomagno, la collaboratrice scolastica prof.ssa Anna Bellusci. “Questo progetto-hanno riferito gli studenti- nasce dallo studio e dall’approfondimento dei comportamenti problematici che possono mettere a repentaglio il nostro benessere psicologico, fisico e sociale. Infatti oggigiorno torna a crescere il consumo di droga, alcool e fumo tra i giovani, e l’uso occasionale è spesso sostituito da un’abitudine frequente e giornaliera “. E’ stato proiettato un video, realizzato attraverso lo studio di diverse tematiche che passano dall’analisi della produzione delle varie droghe all’illustrazione degli effetti nocivi, nonché alle testimonianze delle loro vittime e di chi è riuscito ad uscire dalla tossicodipendenza.

E ancora, ha affrontato il tema dell’alcolismo e del tabagismo, per concludere con un messaggio propiziatorio, ovvero che una ragionata e seria cultura sia la guida nello scegliere tra un’esistenza autentica ed una inautentica, che faccia riscoprire il valore della vita, di se stessi e delle proprie capacità. Con riferimenti musicali, gli alunni hanno voluto rappresentare che può sorgere comunque ed in ogni caso nell’individuo la determinazione a rinunciare all’uso di alcol, fumo e sostanze stupefacenti, uniche grandi piaghe sociali dei tempi moderni, espressioni di una moda in grado di mettere a repentaglio il benessere psicologico dei giovani. “Pertanto-hanno riferito gli alunni-il messaggio che intendiamo lanciare è l’invito a non omologarsi alla massa, ma essere se stessi, perché la diversità è la nostra più grande risorsa.

Fare uso di droga è diventata quasi una moda, soprattutto tra i giovani e quindi dobbiamo uscire fuori dalla massa, riprendere il controllo della nostra vita, l’opportunità è dentro di noi, sta solo a noi coglierla”. Hanno portato il loro contributo il dott. Pietro Fundone, direttore dell’unità operativa Sert-prevenzione e recupero tossicodipendenze di Melfi, il capitano della compagnia Carabinieri di Venosa, Vincenzo Varriale ed il Vescovo Emerito don Rocco Talucci di Venosa. Gli alunni di III C, sezione Brocca, hanno rivolto un caloroso ringraziamento alla prof.ssa Tancredi che ha coordinato il lavoro con molta disponibilità ed impegno.