CONDIVIDI

Ravenna davanti la tomba di DanteVenosa, 2013-04-26 – Nei giorni scorsi la classe I B del Liceo Classico “Quinto Orazio Flacco” ha portato a compimento il progetto scolastico: “Arte, letteratura e storia antica” visitando alcune delle città più significative, San Marino, Verona, Venezia e Ravenna. E’ stata visitata San Marino, la più antica Repubblica esistente.A partire dal 2008 il centro storico della Città di San Marino e il monte Titano sono stati inseriti dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità in quanto “testimonianza della continuità di una repubblica libera fin dal Medioevo”.La guida Michela ha spiegato la vitta amministrativa di San Marino composto da 2 Capitani Reggenti, che ogni 6 mesi vengono sostituiti  e prendono una cifra forfettaria, 10 Ministri con una busta paga di 6 mila euro al mese e rinuncia della propria professione e 60 parlamentari che usufruiscono del solo gettone di presenza. Una realtà diversa da quella italiana! La visita è proseguita visitando il Duomo ed il museo nazionale dove sono esposte opere del Guercino. A Verona, Le guide Francesca e Alessandra hanno fatto vedere le bellezze artistiche e monumentali di questa città scaligera che nel 1300 occupava i primi 10 posti in Europa come reddito pro-capite. La città di Catullo, di San Zeno e della via Gallica è ancora tutt’oggi una meta preferita dei turisti. La visita è stata fatta nella Basilica di San Zeno, ponte Castelvecchio, l’Arena, più antica del Colosseo ed è l’unica ancora in attivo. Porta Borsani, Palazzo Maffei,piazza Dante,Archi Scaligeri, colle san Pietro con l’Adige, Basilica Sant’Anastasia, casa di Romeo e Giulietta. A Venezia, con la guida Elvio, preparata e competente, gli studenti hanno toccato con mano i siti più importanti di questa splendida città. La Basilica di San Marco con i suoi splendidi mosaici, Campanile di San Marco,Palazzo Ducale,Chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari, ponte di Rialto, scala Boboli. La guida ha sottolineato che questa città ha seri problemi di inquinamento!!! In serata gli studenti si sono divertiti in discoteca a Jesolo, facendo amicizia con altri studenti europei. Il viaggio si è concluso a Ravenna, la capitale del Mosaico. La visita, guidata da Flora, dopo Sant’Apollinare in Classe, è proseguita per il Mausoleo di Teodorico, il Battistero degli Ariani,  tomba di Dante Alighieri, ed il centro storico, dove in un negozio si vendeva una cravatta a forma di mosaico. Tra gli accompagnatori, Donatina Argenza, del personale ATA, ritiene ancora utili questi viaggi di istruzione: “uscire dal proprio ambiente, vuol dire apprendere e conoscere nuove realtà, questa è già cultura”. Alessandro Mastropasqua, abbastanza soddisfatto di questa esperienza scolastica fuori Venosa, ha aggiunto: “ siamo riusciti a conciliare momenti di cultura a quelli di svago, grazie anche alla disponibilità dei nostri accompagnatori. Tra i monumenti che mi hanno colpito di più, la tomba di Dante con le epigrafi in Latino, anche perché lo stiamo studiando”. Nicola Tamburriello, uno dei più vivaci del gruppo, ha sostenuto: “un viaggio di istruzione deve lasciare qualcosa dentro e vedere San Marino e Venezia, due realtà piene di storia, ne è valsa la pena fare questo viaggio di istruzione”. Rossella Laconca: “quanto appreso dai libri, l’abbiamo toccato con mano. Anche i momenti di svago sono serviti a stringere rapporti di amicizia con coetanei di altre realtà, abbiamo conosciuto studenti del Belgio, che comunicavano in lingua inglese”. Anche l’autista Tommaso, dell’autolinea Manieribus, ha condiviso questo viaggio comunicando continuamente  con gli studenti.

Lorenzo Zolfo