CONDIVIDI

Venosa (PZ) – Un 30 gennaio particolare per le scuole medie ( solo le 3^) e superiori del centro oraziano. Nell’ambito del progetto:rafforzamento della lingua inglese, al cinema Lovaglio, la compagnia teatrale Palketto Stage, metterà in scena lo spettacolo di William Shakespeare: Hamlet (Amleto).

Shakespeare, noto anche come il Bardo o il Cigno dell’Avon, è stato uno dei massimi poeti e drammaturghi di tutti i tempi ed è l’emblema del teatro occidentale. Amleto, giovane principe ed erede al trono di Danimarca, si trova ad affrontare la morte improvvisa del re suo padre e le repentine nozze della regina con Claudio, il fratello del defunto re.

A trasformare il risentimento di un adolescente addolorato in una delle più grandi tragedie di tutti i tempi, ci pensa lo spettro del re, suo padre, che appare ad Amleto rivelandogli di essere stato avvelenato proprio dal fratello, che ora occupa il suo trono e il suo talamo nuziale. Lo spettro e l’onore reclamano vendetta. Amleto vorrebbe agire, ma esita.

Il suo cuore è invaso dal dubbio: come fidarsi delle parole di un’apparizione notturna? Per cercare le prove della colpevolezza di Claudio egli si finge folle e con l’aiuto di alcuni attori costruisce una trappola per la coscienza del re. La reazione di Claudio di fronte alla messa in scena del suo delitto è prova sufficiente per il giovane principe, ma quando infine egli passa all’azione, essa si rivela in tutta la sua tragica inefficacia: ogni lama colpisce un bersaglio diverso da quello dovuto, ogni coppa di veleno finisce alle labbra sbagliate, in un’ecatombe senza fine in cui gli innocenti non hanno sorte migliore dei colpevoli.

Hamlet
Hamlet-foto dal web

La corte di Danimarca, immersa nel silenzio, aspetta ora l’invasore Fortebraccio. Spetterà a Orazio, amico fedele e unico testimone, rompere questo silenzio per narrare ai posteri la storia di Amleto. Nel dirigere questa nuova produzione del musical Hamlet il regista Edward Johnson (Peter Pan, The Wizard of Oz) rimane fedele ai contenuti e ai personaggi della tragedia shakespeariana presentandoli, però, in un contesto contemporaneo in cui predomina un’estetica che richiama lo stile gotico, dai toni raffinati e dark.

Gli effetti di luci e video, sapientemente progettati e realizzati con strumenti di ultima generazione, concorrono ad esaltare le emozioni vissute dai protagonisti: l’impatto visivo per lo spettatore è forte e lo aiuta a comprendere meglio la profondità del dramma. La scelta del regista è proprio quella di far sentire il pubblico parte dello spettacolo, grazie anche ad alcune scene che vengono recitate in platea e ai numerosi brani di musica rock interpretati dal vivo dai sei giovani performer (The Madness, Frozen, Sunday Bloody Sunday, What I’ve done, Paint it Black, ecc.).

Costumi, accessori e gioielli riflettono l’approccio contemporaneo di questo adattamento e allo stesso tempo identificano il ruolo sociale dei personaggi nel Regno di Danimarca: pellicce, sete, corone e diamanti sono indice della ricchezza dei regnanti, mentre pelle, jeans, sneakers e borchie caratterizzano i più giovani.

La scenografia è concepita per definire i vari ambienti del castello di Elsinore: imponente, minacciosa e raffinata allo stesso tempo. Coreografie semplici ed energiche in un mix di stili, azioni e movimenti sincronizzati e bilanciati amplificano la storia e assicurano al pubblico studentesco il massimo coinvolgimento.