CONDIVIDI

Venosa FAIVenosa(PZ), 2014-03-21 – Anche la cittadina oraziana sarà coinvolta nelle “Giornate di Primavera” promosse dalla FAI per il prossimo 22 e 23 marzo. Il FAI è un’associazione Fondo Ambiente Italiano che si batte per preservare e recuperare il paesaggio italiano, i luoghi, i monumenti, i capolavori che hanno fatto e fanno la storia di questo Paese e che non vengano dimenticati. Siano invece protetti, rispettati e valorizzati. Nella convinzione che investire in cultura significhi non solo salvare il nostro passato e la nostra identità, ma anche produrre ricchezza con ricadute positive sull’occupazione e sul reddito.

Tutto il patrimonio storico,artistico ed architettonico di Venosa arà visitabile, grazie alle guide composte da alunni dell’I.I.S.S. “Quinto Orazio Flacco” Venosa, sotto la direzione dell’archeologa Tonia Giammatteo . L’itinerario comprende il Castello, piazza Orazio,Cattedrale, casa di Orazio, Parco Archeologico, l’Incompiuta, Chiesa della Trinità. Le classi coinvolte ed alunni dalle ore 9,30-13,30/14,30-18,30 sono la 1 A Ginnasio (Dambra Savino, Erricone Michela, Pupino Silvia); 1^ A Scientifico:Coscia eugenia, Pescuma Giorgia; 2^ A Scientifico: D’Urso Luigi.1^ B Scientifico:Duino Giovanna, Manilla Teodoro,Tamburriello Giada.2^ B Scientifico:Basile Umberto, Estivo Francesco,Gammone Vittoria, Lombardi Anna Chiara,Marcosano Irene,Masturzo Ondina,Pugliese Antonella.1^ B Liceo Classico: Canzolino Francesca,Cervellino Lucia, Dichirico Antoninella,Marangelli Lucia.

Punto di partenza, il Castello Pirro del Balzo, uno degli esempi più interessanti dell’innovazione architettonica attuata a seguito della rivoluzione in campo militare 1450 d.c. L’interno del castello è occupato in parte dal museo dal Museo Archeologico Nazionale e in parte dal cortile interno da cui si sale al loggiato aperto.Cattedrale, realizzato dal Duca Pirro del Balzo.La casa di Orazio, costruzione risalente al I secolo a.C. Il tour si conclude verso i monumenti più antichi e rappresentativi di venosa, il Parco Archeologico, l’antiteatro romano ed il complesso dell’Abbazia della SS. Trinità.