CONDIVIDI

Venosa – Dopo le abbondanti nevicate del mese scorso, i terreni agricoli si sono riempiti di tanta acqua fino al punto da creare rivoli di acqua che arrivano fino ad interessare alcune strade principali. Così è successo sulla provinciale n° 10 IV che da Venosa conduce a Ginestra ed all’imbocco della superstrada Potenza-Melfi. In prossimità della costruenda superstrada Oraziana (non si sa quando finirà, dovrebbe essere ultimata entro la fine del 2012), nonostante le belle giornate, la strada era sempre bagnata. Dai terreni agricoli scendeva tanta acqua, come un fiume in piena, che favorita dalle cunette ostruite, invadeva la strada, rendendola pericolosa per i veicoli in transito. Nella mattinata di sabato scorso il comandante della Polizia Municipale di Ginestra, M° Mario Antonio Gremigna, in transito su questa strada (fuori dal servizio,si stava dirigendo in alcuni terreni di proprietà della famiglia) è stato invitato da un automobilista di Ginestra a farsi carico di questo problema presso la Provincia. Senza perdere tempo, in considerazione del fatto che era sabato e tutti gli uffici, sia comunali che provinciali erano chiusi, dalla propria autovettura, ha preso una zappa ed ha iniziato a deviare questo rivolo d’acqua, che scendeva a monte come un fiume in piena, nel terreno adiacente la strada,che dopo pochi minuti si è  prosciugata. Un intervento di pochi minuti che ha risolto un problema! Su questa strada di cantonieri della Provincia non se ne vedono, sembra che siano diventati tutti…interni. Questa  strada provinciale, di circa 8 chilometri  percorsa da centinaia e centinaia di veicoli ogni giorno, essendo una delle arterie provinciali più trafficate della Provincia, è ridotta ad un…colabrodo, da anni. Gli automobilisti in transito non ce la fanno più a percorrere questa strada, quasi l’intero tratto stradale è irregolare e gli automobilisti, dopo le nevicate del mese scorso sono comparse altre buche, sono costretti a fare delle gimkane , la loro incolumità e quella del proprio mezzo sono messi a dura prova. Gli unici a gioire sullo stato di degrado di questa strada sono i…meccanici. La Ginestra-Venosa, più volte è stata interessata da lavori di miglioramento è stata rifatta la pavimentazione, risagoma e poste delle barriere di sicurezza, su interessamento anche del consigliere provinciale Tommaso Gammone. Sembra che alla Provincia interessi la costruenda superstrada Oraziana, parallela alla strada provinciale,i lavori sul tratto Ginestra-Venosa si stanno eseguendo, dovevano essere ultimati lo scorso mese di gennaio (come indica un cartello dal direttore dei lavori), ma fino ad ora è stato realizzato solo il tracciato e tre imponenti torri! Graziella Placido, di Rionero, bibliotecaria in una scuola di Venosa, da oltre venti anni, ha percorso questa strada (è andata in pensione l’anno scorso), conosce questa strada come le sue tasche: “non ci vuole molto al viaggiatore, sia pur prudente, debordare, ad essere catapultato nei campi attigui tale e tante sono le crepe e i cedimenti del manto stradale. Occorre su questa strada, ben visibile, un cartello: pericolo certo. Ci vuole una pazienza…santissima. Fino a quando resisterà questo limite di sopportabilità? Non ci resta che affidarci al Padreterno. Ancora una volta di fronte all’inadempienza degli Enti preposti alla nostra sicurezza diciamo: che Dio ce la mandi buona!”

Lorenzo Zolfo

 le foto riprendono l’intervento del comandante di Polizia municipale di Ginestra,Maresciallo Antonio Gremigna.