CONDIVIDI
Lo stand del consorzio Frantoiani del Vulture presente nelle feste e sagre con Donato Rabasco uno dei responsabili
Lo stand del consorzio Frantoiani del Vulture presente nelle feste e sagre con Donato Rabasco uno dei responsabili

Barile – I produttori del Vulture si riuniscono con orgoglio sotto l’unico nome di “ Frantoiani del Vulture” per dare vita ad un prodotto inimitabile: Olio Vù. Custodi del paesaggio del Vulture che rendono vitale e fertile con il loro operato, riservano a questo prezioso liquido un’attenzione quasi devota.

L’olio extravergine d’oliva del Vulture, di altissima qualità, è unico al mondo in quanto espressione di culture olivicole tipiche della regione. E’ un vero e proprio patrimonio culturale della zona, dando vita ad un prodotto organoletticamente equilibrato e analiticamente perfetto.

Nei giorni scorsi a Rionero in Vulture, durante l’evento Aglianica, era presente anche uno stand dei Frantoiani del Vulture con uno dei responsabili,Donato Rabasco di Barile, che con orgoglio ha fatto assaggiare ai numerosi visitatori questo prelibato olio.

Avvicinato ha riferito: “ Gli oliveti della Basilicata sono tra i più antichi in Italia e oggi nella regione si contano ben 27 varietà autoctone di olivo. La pratica olivicola del Vùlture, che risale ai tempi della Magna Grecia, è stata in questi anni conservata e curata da un piccolo nucleo di aziende di stampo familiare.

Questi coltivatori hanno avuto anche il fondamentale ruolo di conservare e proteggere il suolo ed il paesaggio, cosicché il loro intervento e la loro tenacia sono stati premiati con il riconoscimento della DOP Vùlture. Questo riconoscimento, attraverso il Consorzio, esalta finalmente la vocazione territoriale di una zona geografica (il Vùlture) che persegue l’eccellenza e che cerca di farsi conoscere e apprezzare sui mercati nazionali e internazionali.

I nostri clienti possono effettuare visite guidate nei frantoi con un percorso all’interno delle aziende concepito per avvicinare le persone alla cultura dell’olio extravergine di oliva, dalla sua nascita al suo consumo diretto. La nostra sede si trova a Venosa,contrada Le Tufarelle. Mi auguro che rientrino in questo consorzio anche i Comuni di Ginestra ed Atella”.