CONDIVIDI
Venosa campo di calcio
Venosa campo di calcio

VENOSA (Potenza) – Inizia molto bene il Venosa questa stagione sportiva del campionato Allievi superando nettamente tra le mura amiche la Metanauto con il risultato di 3 a 1, score che poteva essere ancora più largo se gli attaccanti di casa non avessero fallito facili occasioni in contropiede. Eppure sono stati proprio gli ospiti a sfruttare una indecisione difensiva sulla sinistra e a passare in vantaggio al 3’ con Dubla che si presenta solo davanti a Murgante in uscita e lo supera alla sua sinistra. Immediata per quantità e qualità è la reazione dei locali, che con un fraseggio stretto cercano sempre la profondità soprattutto a sinistra. Al 5’ Pellegrino fa tutto bene saltando tre avversari portandosi sulla linea di fondo vicino al palo di sinistra, poi sbaglia tutto cercando un corridoio per il tiro che non c’è.

Dopo 5’ l’attaccante si fa perdonare e chiude abilmente l’1-2 con Griesi che a centro area dribbla anche il difensore centrale e poi piazza un diagonale forte e preciso alla destra dell’incolpevole Pacella. L’incontro giocato su ritmi intensi vede il Venosa dominare a centrocampo senza però avere il varco giusto per passare e il Picerno tentare con lanci di sfruttare la velocità degli avanti. Al 15’ sulla destra Dell’Arso riceve, defilandosi un po’, il suo servizio lungo sul 2° palo non trova Pellegrino e Manieri che si appostano a centro area. Al 32’ Gammone su punizione dal limite centralmente potrebbe fare male ma il tiro forte è troppo alto. Sussulto degli ospiti che non ci stanno a subire e in contropiede dal vertice sinistro dell’area di rigore Lotito colpisce la parte alta della traversa con Murgante troppo avanti. Dal pericolo scampato al vantaggio dei locali: al 38’ Pellegrino sfrutta un disimpegno difensivo degli ospiti sbagliato, si accentra e dal limite piazza la sfera sotto la traversa. Ottimo 1° tempo del Venosa che in buone condizioni fisiche sfrutta tutto il suo collettivo, il Picerno un po’ macchinoso e rinunciatario si affida troppo a ripartenze lunghe.

Al 1’ della ripresa Pellegrino serve Manieri in diagonale a sinistra che a centro area si appresta a calciare, al momento dell’impatto viene travolto letteralmente da un avversario, molti dubbi sulla regolarità dell’azione difensiva. I locali rallentano, si distraggono, vanno leggermente in affanno e il Picerno alza il baricentro, diventando più pericoloso in avanti, anche se sono lontani da Murgante, al 10’ il difensore Scarcella compie un miracolo sulla destra in recupero su Lotito pronto a calciare a rete, mandando la palla in angolo. Al 18’ l’episodio chiave della gara a favore del Venosa: palla lunga verso Manieri defilato a destra che si invola verso la porta, al limite viene travolto da un avversario, fallo da ultimo uomo ed espulsione. Sulla punizione dal limite si presenta di nuovo Gammone, questa volta calcia teso e forte e mette dentro sotto la traversa. Gli ospiti un po’ frastornati per il doppio svantaggio e l’inferiorità numerica nel momento migliore si prestano ai contropiedi micidiali degli oraziani, che rincuorati dal risultano affondano e almeno in tre nette occasioni con Pellegrino, Novelli e Angelicchio mandano fuori clamorosamente davanti a Pacella abile a chiudere lo specchio della porta in uscita.

L.Z.