CONDIVIDI

Venosa- Lo scorso 15 giugno allo stadio “Michele Lorusso”, per il trofeo di calcio “Gaetano Scirea” si è disputato un quarto di finale tra la Rappresentativa Lega Nazionale Dilettanti e la Roma. Ha vinto meritatamente la squadra della Roma allenata da mister Alessandro Rubinacci. La squadra romana accede alle semifinali da svolgersi a Taranto e dovrà vedersela contro la Juve.

La partita è stata diretta dall’arbitro Vito Guerra di Rapone, della sezione di Venosa, coadiuvato dagli assistenti: Marinelli di Vietri di Potenza e Adriano Catino di Venosa. Alla presenza del presidente della F.I.G.C Della Basilicata, Pietro Rinaldi, del direttore di Rai 3 Basilicata, Fausto Taverniti, un romano trapiantato in Basilicata, di alcuni tecnici di Venosa, da mister Musco ( pietra miliare del calcio, da 55 anni sui campi) a mister Lotumolo ( è riuscito a far approdare nelle serie che contano,con la sua scuola calcio giovanile di Venosa) e di un sufficiente numero di spettatori, la squadra della Roma ha saputo mantenere le redini del gioco, anche se il risultato non è mai stato in discussione. Contro una volenterosa, ma poco concreta, Lega Nazionale Dilettanti di serie D, allenata da mister Silipo, ex giocatore di serie A, del Catanzaro, Genoa, ha giocato insieme a Ranieri.

A fine partita il mister della Roma Rubinacci, sulla partita, ha detto: ” abbiamo vinto per aver capitalizzato, meglio degli avversari, le occasioni da gol avute. Nella ripresa abbiamo saputo gestire la partita e chiuderla nel migliore dei modi”. Il mister della L.N.D, Silipo ha spiegato i motivi della sconfitta: ” senza la giusta aggressività e rabbia,non si arriva a segnare. Ad un primo tempo da pellegrini, abbiamo disputato un secondo tempo più dignitoso”.