CONDIVIDI
Venosa ad Arcidosso col gruppo musicale
Venosa ad Arcidosso col gruppo musicale

Venosa, 2013-05-11 – Per il 3° anno consecutivo il Liceo Classico “Quinto Orazio Flacco” di Venosa parteciperà al premio nazionale “Giorgio Gaber” di Grosseto dal 12 al 14 maggio.Questa iniziativa nasce nel 2009, su iniziativa del teatro stabile di Grosseto, grazie alla preziosa collaborazione della “Fondazione Giorgio Gaber” di Milano che cura e tutela il patrimonio culturale dell’Artista milanese. La manifestazione si divide in 2 sezioni artistiche (Cinema e Teatro) ed ogni anno vengono selezionati decine di progetti, frutto di percorsi laboratoriali diretti ai giovani, che vengono presentati durante la rassegna finale. Il Premio, che è giunto alla 4a edizione, ha visto un numero di partecipanti sempre in crescita: dai circa 1.400 iscritti della 1^ edizione ai 2.500 del secondo anno provenienti da tutto il territorio nazionale, fino agli oltre 4.500 partecipanti dell’ultima edizione che ha aperto le porte anche ai paesi europei. La figura di Giorgio Gaber rappresenta un’eccellenza nella storia della cultura italiana; una figura che, anche dal punto di vista umano, si è sempre impegnata ed è emersa nella società moderna grazie alla capacità di realizzare una perfetta sintesi tra un prodotto artistico d’eccezione ed un messaggio socio-culturale autentico e fuori dall’ordinario.Quest’anno la scuola di Venosa, sotto la guida del prof. di Filosofia, Ernesto Miranda, parteciperà sia per la sezione cinema che per la sezione musica/teatro. Sarà presentato un cortometraggio dal titolo “Esprit de l’escalier” e uno spettacolo di teatro-canzone dal titolo “Fuori concorso”.

I brani musicali ed i pezzi teatrali sono tutti inediti, così come per il cortrometraggio. Il titolo del progetto è Fuori concorso perché vuole essere una radiografia di quella che è l’odierna condizione giovanile: nei giovani di oggi la sfiducia ha preso il posto della speranza e questo crea una serie di problemi sociali e culturali che giorno dopo giorno hanno creato e creano una “solitudine di massa” e, quindi, una frammentazione degli individui che tende ad offuscare e ad intristire ancora di più i legami sociali e il dialogo. Il cortometraggio invece vuole catturare la realtà economico-politica degli ultimi anni e consegnarla allo spettatore per quello che è, mostrando il suo lato più amaro e ripugnante. Il Gruppo musicale è composto da: Raffaele Lioy alla batteria; Giuseppe Palumbo alle percussioni; Francesco Chieffo alla chitarra acustica; Antonio Di Napoli alla chitarra elettrica; Rossana Caputo e Nicola Tamburriello alla voce; Giovanni Lipardi alla tastiera; Rocco Berardi al basso; Matteo Soldo alla tromba e Roberta Lioy al violino. Il Gruppo teatrale è composto da: Chiara Carretta, Annalisa Caprioli, Giuseppe Volpe, Angelo Pugliese, Angelica Di Nardo, Pierangela Lanza, Maria Tancredi, Roberta Lioy e Giovanni Lipardi.

Lorenzo Zolfo