CONDIVIDI

Venosa, 2013-05-18 – Per il 3° anno consecutivo il Liceo Classico “Quinto Orazio Flacco” di Venosa ha partecipato al premio nazionale “Giorgio Gaber” di Grosseto dal 12 al 14 maggio scorso. Un evento nato 2009, su iniziativa del teatro stabile di Grosseto, grazie alla preziosa collaborazione della “Fondazione Giorgio Gaber” di Milano che cura e tutela il patrimonio culturale dell’Artista milanese. La manifestazione si divide in 2 sezioni artistiche (Cinema e Teatro) ed ogni anno vengono selezionati decine di progetti, frutto di percorsi laboratoriali diretti ai giovani, che vengono presentati durante la rassegna finale. La scuola di Venosa ha partecipato ad entrambe le sezioni. Sotto la guida del docente referente, prof. di Filosofia, Ernesto Miranda, per la sezione cinema è stato presentato un cortometraggio dal titolo “Esprit de l’escalier”(della durata di 4’30” vuole catturare la realtà economico-politica degli ultimi anni e consegnarla allo spettatore per quello che è, mostrando il suo lato più amaro e ripugnante) realizzato dall’alunno Rocco Caselle di III B; per la sezione musica/teatro è stato presentato lo spettacolo dal titolo “Fuori concorso”( una radiografia di quella che è l’odierna condizione giovanile: nei giovani di oggi la sfiducia ha preso il posto della speranza e questo crea una serie di problemi sociali e culturali che giorno dopo giorno hanno creato e creano una “solitudine di massa” e, quindi, una frammentazione degli individui che tende ad offuscare e ad intristire ancora di più i legami sociali e il dialogo. Il Gruppo musicale era composto da: Raffaele Lioy alla batteria; Giuseppe Palumbo alle percussioni; Francesco Chieffo alla chitarra acustica; Antonio Di Napoli alla chitarra elettrica; Rossana Caputo e Nicola Tamburriello alla voce; Giovanni Lipardi alla tastiera; Rocco Berardi al basso; Matteo Soldo alla tromba e Roberta Lioy al violino. Il Gruppo teatrale era composto da: Chiara Carretta, Annalisa Caprioli, Giuseppe Volpe, Angelo Pugliese, Angelica Di Nardo, Pierangela Lanza, Maria Tancredi, Roberta Lioy e Giovanni Lipardi. Di questa esperienza, il prof. Ernesto Miranda è soddisfatto: “un evento che coinvolge scuole di tutte le realtà italiane in una complicità comune. Un premio che sta crescendo per i suoi alti contenuti formativi dove perfino l’allievo fragile riesce ad esprimere il suo talento. Si valorizzano ragazzi che hanno particolari sensibilità ed emotività, si rompono dei muri, delle barriere e soprattutto dei pregiudizi. La musica ed il teatro sono assi portanti della nostra civiltà e che nella scuola trovano difficoltà di inserimento”. I due progetti della scuola di Venosa sono stati visti dalle scuole di Ancona, Volterra e Savona.

Laura di Ancona, esperta esterna, componente di un gruppo teatrale “Recremisi” , presente al lavoro di Venosa ha apprezzato la parte musicale come la scelta dei brani, mentre sull’aspetto teatrale ha ritenuto i brani un po’ scollegati ed i testi visti da un adulto.Roberta Lioy, violinista del gruppo,la più applaudita, ha riferito: “la nostra scuola non ha alle spalle laboratori teatrali e musicali come le hanno le altre scuole partecipanti”. Fabio Gammone, ex alunno del Liceo, ha dato il suo contributo nella veste di fonico: “lo spettacolo è andato bene, i ragazzi si sono espressi al meglio, mostrando una sensibilità musicale a attoriale davvero invidiabile”. Si è distinto, sia come pianista e come presentatore, Giovanni Lipardi di I A Liceo, riscuotendo tanta simpatia. Un successo la serata musicale, prima del rientro, organizzata dalla scuola di Venosa nella quale tanti alunni di scuole diverse hanno dato prova del loro talento musicale. I vincitori di questo Premio Gaber si sapranno il prossimo 7 giugno collegandosi al sito internet degli organizzatori.

Lorenzo Zolfo