CONDIVIDI
Venosa,il passaggio di consegne della presidenza del Ratary Club di venosa
Venosa,il passaggio di consegne della presidenza del Ratary Club di venosa

Venosa (PZ) – Lo scorso 30 giugno, presso l’Hotel Venusia, Il Rotary Club di Venosa si è incontrato per un importante appuntamento: la cerimonia del passaggio del Martelletto tra la Presidente uscente Carmen D’Antonio e la Presidente entrante Antonella Vinciguerra.

La nuova presidente, Vinciguerra ha tracciato il programma da svolgere nel prossimo biennio: “ Le azioni di questo nostro anno rotary saranno riferite al tema di più ampio respiro del Presidente Internazionale Riseley. Esso riguarda la tutela dell’ambiente, non solo dal punto di vista climatico, ma soprattutto, di quelle popolazioni più vulnerabili e soggette al degrado ambientale verso le quali il Rotary ha una maggiore responsabilità. Infatti, le nostre iniziative saranno rivolte alla valorizzazione e tutela del patrimonio culturale e paesaggistico della nostra splendida cittadina con l’intento di promuovere e far conoscere bellezze e tesori preziosi locali, poiché è mia intenzione far apprezzare ancor di più il Rotary in città, comunicare meglio i suoi intenti, e entrare, così, nella considerazione e attenzione dei nostri concittadini.

A tal proposito vi annuncio con grande gioia che è stata accettata la nostra richiesta di adozione di ben due monumenti: quello dedicato al Cardinale De Luca, situato in piazza Castello e quello dedicato a Vincenzo Tangorra, in piazza Municipio.Inoltre è prevista la piantumazione di un numero di alberi pari a quello dei soci del corrente anno per la bonifica di un’area urbana o extraurbana da definire.Poiché mi occupo di formazione con il fine di promuovere la cittadinanza attiva, rivolgerò la giusta attenzione al mondo giovanile che con le sue dinamiche, è al centro dei miei studi ed interessi. Per avvicinare e far conoscere il Rotary ai giovani studenti della nostra comunità predisporremo una serie di seminari formativi di grande attualità, concorsi e premi.

Un club efficiente nel locale, dunque, ma con lo sguardo rivolto al globale. Per questo ho il piacere di comunicarvi che il nostro club sarà partner di un Progetto Internazionale proposto dal Club Taranto Magna Grecia che riguarda la promozione della salute in un’area particolarmente disagiata del Perù, la provincia di Abancay. Il progetto che sosterremo con il nostro contributo, consiste nell’implementazione di un centro medico mobile, dotato di attrezzature sanitarie, per la effettuazione di interventi medici e il trasporto di addetti e attrezzature sanitarie in luoghi montani e difficilmente raggiungibili. Proseguiremo con il sostegno rivolto ai bambini dell’Honduras che abbiamo adottato già da anni.

Non mancheranno azioni di services sia in sinergia con gli altri club presenti nella nostra regione, che con il club della Valle dell’Ofanto con cui siamo gemellati. Ultimo non per importanza il supporto all’Interact appena costituito con l’auspicio che possa cogliere e interpretare in concreto i segnali e gli stimoli provenienti dalle nuove generazioni, e guardare con rinnovata attenzione il mondo giovanile, attore protagonista del cambiamento sociale.

Questo nutrito e articolato programma sarà realizzato grazie alla collaborazione eccellente della mia squadra, costituita da splendide persone, che incarnano il vero spirito rotariano, con le quali sin da subito si è instaurato un clima di serena empatia e nei quali ho trovato esperienza, disponibilità ed amicizia: Marco Saraceno, vice Presidente. Nicola Cosentino, Presidente incoming. Vito Bochicchio, segretario. Aurelio Caggianelli, prefetto. Enzo Vella, tesoriere. Mario Bonifacio e Marco Pampaloni, consiglieri”.