CONDIVIDI
Venosa torneo di Biliardo Michelangelo Aniello vincitore edizione 2013
Venosa torneo di Biliardo Michelangelo Aniello vincitore edizione 2013

Venosa, – 2013-12-18 – Il 2° Torneo Interregionale di Biliardo ( nelle specialità di gara, 5 birilli (Italiana), 9 birilli (Goriziana) al “Riondino Biliard”, via Lombardia n° 1, dello scorso 15 dicembre,che ha visto la presenza di un centinaio di giocatori, alcuni provenienti anche da fuori regione, Puglia e Campania, è stato vinto da Michelangelo Aniello di Mola di Bari, ex campione del mondo, l’unico giocatore di biliardo professionista specialità italiana 5 birilli ad essersi aggiudicato sia il campionato italiano che la coppa del mondo a Siviglia nel 2006. A partecipare anche il fresco campione italiano di Biliardo, specialità Goriziana, Maggio Crocefisso di Brindisi, vincitore a Saint-Vincent, lo scorso novembre, battuto nella finale proprio da Aniello. “Per una settimana, questo sport-riferiscono gli organizzatori Riondino-Gaudeano- ha catalizzato l’attenzione di tanti venosini che hanno riempito il Riondino Biliard a tutte le ore per vedere all’opera “stecche” di primo piano del panorama nazionale”.

Da segnalare l’eliminazione al 1° turno di Gatta, vincitore dell’anno scorso ad opera di Frontino di Margherita di Savoia (Bat). Folta la rappresentanza dei giocatori di Venosa, il migliore classificato proprio Salvatore Riondino, diventato quest’anno un appartenente alla categoria d’eccellenza Nazionale Professionista con alle spalle numerose vittorie in gare nazionali e ottimi risultati in classifica.

Gli altri venosini in gara, Cesare Gaudeano,Monteverde R.  A. e V. Carbone I. e A. Barile A. e F. Cavallo V. Lentini L.Lichinchi V. Piscitelli A. Altri  giocatori professionisti che hanno preso parte: Consagno Giuseppe (Sa), in seimifinale è stato battuto da Aniello; Vincenzo, Lamanna, Vecchione, Sicignano, Triunfo, Mascolo ( battuto in seimifinale dal vincitore Aniello), Giangregorio.La regolarità delle gare assicurate dal direttore di gara, il barlettano Luciano Cassatella, che si è avvalso della collaborazione di giudici di Venosa.

Lorenzo Zolfo