CONDIVIDI
Urbino a sx l'amministratore di Picerno a dx il vice sindaco di Maschito
Urbino a sx l’amministratore di Picerno a dx il vice sindaco di Maschito

Maschito, 2013-10-01- La Basilicata presente ad Urbino dal 27 al 29 Settembre scorso con il Vice Sindaco del Comune di Maschito Volpe Michelangelo e il Capogruppo del Comune di Picerno Francesco Nicola Riviello scelti in un bando della Scuola di alta formazione sull’Europa e gli enti locali aperta a giovani amministratori e imprenditori promossa dalla Regione Marche ANCI Parlamento Europeo Commissione Europea Comitato delle Regioni.Entusiasti i giovani amministratori.  Il Capogruppo del Comune di Picerno Francesco Nicola Riviello: “E’ stata un’esperienza di notevole rilevanza formativa, istituzionale e politica: il confronto con le altre realta’ amministrative d’Italia ha consentito a tutti noi di affrontare e discutere di Europa enti locali e nuove prospettive nell’amministrazione della cosa pubblica. Il dialogo con rappresentanti delle istituzioni, funzionari ministeriali e personalita’ di primissimo rango ha difatto rappresentato un momento di eccellente formazione ed esperienza sul campo. Dobbiamo saper cogliere le occasioni offerte dall’Europa per cercare di uscire al più presto dall’attuale crisi economica, e’ stata l’occasione per conoscere a fondo le opportunità che l’Europa offre agli Stati Nazionali e i canali di finanziamento per ottenere i fondi europei.

Ognuno dei 28 Paesi d’Europa – spiega il Vice Sindaco del Comune di Maschito Volpe Michelangelo trasferiscono annualmente all’UE proprie risorse economiche; soldi che dovrebbero ritornare totalmente in Italia, attraverso progetti europei creati sulla base degli obiettivi di sviluppo posti dall’Europa, ma che non arrivano più a noi per l’incapacità diffusa nel nostro Paese di progettare o gestire le procedure o realizzare le opere. Opportunità di sviluppo immense che l’Italia non è capace di sfruttare. Si rende perciò necessario un cambio di rotta, sia nella Pubblica Amministrazione sia nelle mondo produttivo, per non perdere queste possibilità di sviluppo. La presentazione della nuova programmazione europea 2014-2020, le nuove sfide della pubblica amministrazione, la promozione dei territori, la grave crisi delle istituzioni e le buone pratiche di governo: questi sono stati i temi attorno ai quali abbiamo discusso ed avanzato le nostre idee e proposte. Nel nostro intervento abbiamo piu’ volte presentato le esigenze dei giovani amministratori nella realta’ lucana: oggi chi decide di dedicarsi all’amministrazione dei propri comuni fa una scelta importante, sacrificosa ma estremamente fondamentale per il proprio percorso umano e politico. La presenza di giovani amministratori nei comuni italiani e’ in netto aumento: questo rappresenta un trampolino di lancio straordinario non solo per la crescita dei nostri territori ma anche per la formazione di una nuova classe dirigente attiva e preparata.”

Lorenzo Zolfo