CONDIVIDI

autobus480Melfi – La Segreteria regionale della Fismic Basilicata, insieme alle altre organizzazioni firmatarie del CCSL e all’Azienda, si è recata, giovedì 12 marzo, presso l’Assessorato regionale ai Trasporti della Regione Puglia per discutere dei problemi infrastrutturali che si stanno verificando nel sistema dei trasporti da e per l’area industriale di Melfi. L’incremento produttivo della Sata di Melfi, la fine della cassa integrazione e le recenti assunzioni (di cui molti pugliesi), infatti, hanno notevolmente ampliato il bacino di utenza del trasporto pubblico. Ma all’aumentato numero dei turni di lavoro non è seguito finora un incremento dei servizi di trasporto, soprattutto per gli oltre 2000 lavoratori pugliesi che, dalla Capitanata e dalla Bat, già prima delle nuove assunzioni si recavano quotidianamente a Melfi, registrando notevoli disagi dal punto di vista della mobilità. Gli autobus sovraffollati, inoltre, farebbero venir meno anche le condizioni di sicurezza, oltre che di comfort, soprattutto a partire dal prossimo 16 marzo, con l’aggiunta della quarta squadra di operai. Di questi problemi la Fismic e le altre organizzazioni hanno discusso con l’assessore regionale Giovanni Giannini, chiedendo di porre rimedio quanto prima, interessando le aziende di trasporto pubblico ad attivare ulteriori corse. L’incontro si è concluso con l’impegno da parte dell’Assessore della Regione Puglia di convocare tempestivamente tutte le aziende appaltanti del servizio per fare una verifica sui servizi e chiedere di riequilibrare l’offerta. All’incontro ha partecipato anche il Consigliere regionale foggiano Pino Lonigro.