CONDIVIDI

bagniAl Prefetto di Potenza
e.p.c. Al Sindaco di San Fele
“ “ “ Ai Consiglieri Comunali
“ “ “ Agli Organi di Stampa

Oggetto: Richiesta incontro su revoca divieto balneazione.

In riscontro alla nota del sindaco di san Fele , del 19.08.2015, prot. 0006302 , dove si comunica l’indisponibilità dell’Ente di revocare il divieto di balneazione ,senza specificare quali sarebbero le motivazioni poste a base del provvedimento di divieto ( ordinanza n° 6/2014 ) , con la presente , la scrivente associazione , chiede alla S.V. un incontro alla presenza del Sindaco di San Fele , della Regione Basilicata – Ufficio competente , per affrontare e risolvere definitivamente le ragioni per noi incomprensibili alla base del divieto di balneazione sull’intero alveo fluviale del torrente Bradano adottato con ordinanza n° 6/2014 , con relativa rimozione dei cartelli oggi presenti.
Tale richiesta è motivata dalle seguenti considerazioni:
1) Consentire ai tanti turisti appassionati al nuoto e pesca, di potersi bagnare nell’ acqua del torrente Bradano , tenuto conto che non esiste alcun problema di inquinamento ;
2) La richiesta dei visitatori ( compreso i tanti appassionati sanfelesi ) , di bagnarsi nelle acque del torrente è fortemente sollecitata e spesso è considerata la vera se non l’unica ragione per programmare una visita ed una vacanza alle cascate di San Fele.
Riteniamo infine, che così come si è proceduto a regolamentare l’attività di torrentismo , si possa anche in questo caso adottare uno specifico regolamento che regoli l’attività di balneazione sull’intero alveo fluviale.
Distinti saluti
San Fele li 22 luglio 2015
Il Presidente
Michele Sperduto