CONDIVIDI

archivio pasoliniDopo il Leone d’oro 2015 ottenuto alla Mostra di Venezia per il Miglior restauro, la Fondazione Cineteca di Bologna e il Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini di Bologna presentano al cinema Lumière lunedì 2 novembre Salò o le 120 giornate di Sodoma, ultimo film di Pier Paolo Pasolini presentato in versione integrale e restaurata dal laboratorio L’Immagine Ritrovata e CSC – Cineteca Nazionale in collaborazione con Alberto Grimaldi. L’evento ha luogo in occasione del quarantennale dalla morte del poeta, avvenuta il 2 novembre 1975 ma sfugge ad ogni mera celebrazione nella convinzione che il miglior modo di ricordare un grande artista sia mostrare, restaurare e studiare la sua opera.

Il regista diceva del suo film: “La ragione profonda che mi ha spinto a fare il film, io credo, è il vedere proprio ciò che oggi il potere fa alla gente. Cioè la manipolazione totale, completa che il potere sta facendo delle coscienze e dei corpi della gente”.

Incontro con Gideon Bachmann

Alle ore 18 Gideon Bachmann, giornalista, critico e autore di Ciao, Federico!, documentario del 1970 girato sul set di Fellini-Satyricon, sarà protagonista di una conversazione con il pubblico presso la Biblioteca
Renzo Renzi che avrà come oggetto l’opera di Pasolini. In occasione di questo appuntamento sarà presentato il libro Pier Paolo Pasolini. Polemica, politica, potere. Conversazioni con Gideon Bachmann, curato da Riccardo Costantini di Cinemazero – anche lui presente all’incontro – ed edito da Chiarelettere.

Il volume raccoglie per la prima volta le numerose conversazioni che l’intellettuale americano ha avuto negli anni con il poeta, seguito sin dal
suo esordio con Accattone nel 1961, realizzando numerosi servizi fotografici, in particolare sui set de Il fiore delle Mille e una notte (1974) e Salò di cui ha curato anche le riprese sul set e una lunga intervista filmata. Lo stesso Bachmann introdurrà poi lo spettacolo delle 20 di Salò assieme a Fiorella Infascelli, assistente alla regia del film e
regista di oltre dieci film e al fotografo Arrigo Davoli che per l’occasione proporrà una selezione di rare fotografie da lui scattate sul set di Gonzaga durante le riprese di alcune scene della prima parte del film intitolata “Antinferno”, preludio di un film come lo definiva Alberto Moravia “elegante, lucido e al tempo stesso fantastico e funebre”.

A seguire la presentazione del cofanetto DVD di Salò, appena edito da Edizioni Cineteca di Bologna in collaborazione con Cinemazero, contenente oltre al film anche numerosi extra e un booklet a cura di Roberto Chiesi (Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini) sulla genesi e la travagliata vicenda giudiziaria che ha accompagnato la pellicola e altro prezioso materiale d’approfondimento.