CONDIVIDI

Roma, 2012-12-12 – Un antico filo lega la Lucania alle mitiche terre del Nord. Fu Pitagora a visitare il popolo degli Arborei ed a entrare in contatto con i Druidi che citò specificatamente , mentre la misteriosa dea Mefitis utiana possiede dei connotati tipicamente celtici . Del resto una delle tribù lucane aveva un nome celtico che non lasciava dubbi : EBURNEI , nome ancora oggi usato per l’Irlanda ( Hibernia) e che segnava l’inizio della Lucania Eboli ( Eburnea) , così come tutti fiumi della Lucania derivano da nomi celtici : Bradano ( Brix : luogo alto ; Dan : fiume come danubio ) Sinni da Sheanna dea Celtica ( come la Senna o Shannon in Irlanda ) ed ancora il Sele dalla Dea celtica Shila. Forse tale l’origine della particolarità linguistica della Regione , il Galloitalico e forse perfino del nome della regione che deriverebbe da Lugh , dio della luce del nord Europa.

Le Repubbliche Baltiche della Lituania, Lettonia ed Estonia e la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale presentano nella sede del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia il progetto “Luce dalle Terre dell’Ambra. Dalle rive del Baltico al Mediterraneo”, finalizzato a far conoscere la cultura di questi Paesi attraverso un fil rouge rappresentato proprio dalla via dell’ambra che, fin dall’antichità, collegava le rive del Baltico, territorio principale di estrazione, con il Mediterraneo ed, in particolare, con l’Etruria. Per quattro giorni, dal 13 al 16 dicembre 2012, il pubblico potrà entrare in contatto con l’importante storia e le tradizioni delle repubbliche baltiche e, al contempo, riappropriarsi di un cuore pulsante per Roma, come è e sarà sempre più Villa Giulia. Si tratta di un evento che intende promuovere il dialogo tra i cittadini d’Europa nel segno di un’unione che trovi nella cultura il principale elemento di coesione e di prospettiva. L’evento, coordinato dall’Ambasciata della Repubblica d’Estonia in collaborazione con le Ambasciate delle Repubbliche di Lituania e di Lettonia, è posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e ha ricevuto il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero degli Affari Esteri, della Regione Lazio, della Provincia di Roma e di Roma Capitale. La Manifestazione sostiene l’Associazione Peter Pan onlus. Elemento centrale del progetto è una mostra di grande fascino dedicata all’ambra, dal titolo AMBRA. DALLE RIVE DEL BALTICO ALL’ETRURIA <http://villagiulia.beniculturali.it/index.php?it/177/mostre/3/ambra-dalle-r ive-del-baltico-alletruria> , aperta dal 15 dicembre 2012 al 10 marzo 2013, e sarà accompagnata dalla pubblicazione di un catalogo che illustrerà i materiali esposti e analizzerà le forme di produzione, diffusione e circolazione dell’ambra nel bacino del Mediterraneo e nell’Europa Settentrionale. Sugli stessi argomenti si terrà anche un convegno <http://villagiulia.beniculturali.it/index.php?it/22/eventi/43/giornata-di-s tudi-sullambra-dalle-rive-del-baltico-al-mediterraneo> a cui parteciperanno i più importanti archeologi e storici italiani e baltici che hanno dedicato le loro ricerche scientifiche all’ambra. A cura del Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo si terranno laboratori di archeologia sperimentale sulla lavorazione dell’ambra mentre il Museo delle Antiche Genti di Lucania di Vaglio, in persoan del Direttore Dott. Nicola Barbatelli e dell’Ing. Giandomenico Glinni . realizzerà la postazione multimediale dedicata alle “Vie dell’Ambra”.

Queste giornate di festa per la città di Roma dedicate alla “Luce dalle Terre dell’Ambra” prevedono, sempre a Villa Giulia, la presentazione di iniziative e di programmi culturali proposti dalle Repubbliche baltiche, ma anche spettacoli, canti e illustrazione di libri di letteratura e narrativa, opera di scrittori baltici. Inoltre, un mercatino natalizio di oggetti in ambra e di altri prodotti tipici della cultura baltica. “Luce dalle Terre dell’Ambra” sarà anche un momento di apprendimento e di gioco per i ragazzi e i bambini delle scuole che saranno protagonisti dell’articolata manifestazione con laboratori creativi e la decorazione di un albero di Natale. L’evento si concluderà domenica 16 dicembre con un concerto di musica folcloristica di un gruppo di giovani musicisti lituani. “Dunque sul lato destro il mare svevo bagna le genti degli Estii, simili piuttosto agli Svevi per i culti e l’aspetto esteriore, ai Britanni per la lingua. Venerano la Madre degli dèi (…) Esplorano anche il mare e sono gli unici a raccogliere, nelle secche e sul litorale, l’ambra(..) che chiamano gleso…” Tacito, “Germania”, paragrafo 45, 98 d.C. Conferenza stampa di presentazione dell’evento al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Sala della Fortuna martedì 11 dicembre, ore 12. In occasione dell’evento il 13 e il 14 dicembre l’ingresso al Museo sarà gratuito