CONDIVIDI
Ripacandida
Ripacandida

Ripacandida, 2013-04-28 – Sabato alle 12 sono scaduti i termini per la presentazione delle liste nel piccolo centro del Vulture. Tre le liste presentate: Ripacandida Comune, candidato Sindaco, Donato Natalino Musto, collaboratore scolastico. Fanno parte di questa lista i consiglieri: Chiari Antonia F. D. G. Di Leonardo Carmen Donatella, Leopaldi Alberto, Dibiase Michele, Labriola Antonio, Gentile Donato. Lista: Progetto per Ripacandida, candidato sindaco: Rondinella Donato, infermiere. Consiglieri: Sinisi Michele, Dibiase Giuseppe Michele, Prisco Aniello, Lettieri Antonio, Summa Anna, Messere Michele. lista: Rinnoviamo Ripacandida – lista PD- SEL, candidato Sindaco: Remollino Vito Antonio, direttore sanitario. Consiglieri: Chiarito Donato, Rondinella Donato Antonio, Velini Emanuele, Santomauro Teodora, Anastasia Michele Giuseppe, Labriola Maria. Da sottolineare che i tre candidati a Sindaco sono esponenti del PD, evidentemente riflettono anche a livello locale le tensioni e le fratture esistenti in campo nazionale. Era attesa una quarta lista con la presenza a candidato consigliere dell’attuale Sindaco, Giuseppe Anastasia, ma non è stata presentata. Come non è stata presentata nessuna lista da parte dei cittadini di contrada San Francesco, Cappa Bianca e Frascolla, composta oltre 100 elettori, ricadenti a pochi passi dall’abitato di Rionero in Vulture.

Anzi, nelle tre liste presentate, composte da sei consiglieri comunali uscenti e cinque donne, non c’è neanche la presenza di nessun cittadino di queste tre contrade.. A spiegare le ragioni, Antonio Giansanti, noto esponente del PSI, che risiede nella contrada San Francesco: “il mio appello di unire le forze politiche è rimasto vano, le diatribe continuano a persistere. Gli elettori delle tre contrade di Ripacandida non si faranno influenzare da questi litigi, valuteranno i programmi e le proposte con senso di responsabilità. Devo sottolineare l’assenza nelle liste di Patrizia Lepellere, esponente del PSI, non ha preferito candidarsi per restare fuori da queste diatribe. Prossimamente avremo un incontro sulle linee da condurre in vista delle elezioni”.

Lorenzo Zolfo