CONDIVIDI
Ripacandida concerto San Donato gli artisti
Ripacandida concerto San Donato gli artisti

Ripacandida, 2013-12-29 – Ambientato nello splendido scenario del Santuario di San Donato, gemellato con la Basilica Superiore di Assisi, in una chiesa stracolma di gente, si sono esibiti il cosiddetto “Trio all’Opera” in occasione del Bicentenario Verdiano. Dopo svariate date in giro nel Sud Italia tra cui Potenza presso l’Università di Basilicata, Eboli (SA) e Martina Franca (TA) approdano con le ultime due date a Ripacandida ed il 26 dicembre a Barile presso il meraviglioso Convento Wine Space, accompagnata da due bravissimi Maestri, M.Trotta e V.Liuzzi, spettacolari nei loro brani musicali al pianoforte ed al clarinetto, il soprano lirico di Ripacandida Elisabetta Caputi si esibisce in una splendida perfomance con ben due standing ovation finali con gli spettatori tutti in piedi e richiesta di bis (lo splendido Brindisi di Traviata accompagnato dal battito di mani degli spettatori!).

A presentare questo evento,Donatella De Luca di Maschito, studentessa al Conservatorio musicale di Potenza: “Buonasera e benvenuti al concerto “Brindando a Verdi”, organizzato dall’Ass. culturale Papirus con il patrocinio del Comune di Ripacandida, che in occasione del Bicentenario Verdiano, hanno invitato questa sera tre musicisti che daranno origine ad una formazione cameristica chiamata “TRIO ALL’OPERA”, composto dal M° Demetrio Massimo Trotta, pianista e docente al conservatorio di Avellino, dal M° Vito Liuzzi, clarinettista e docente del conservatorio di Potenza e da Elisabetta Caputi, soprano lirico di Ripacandida, diplomatasi in canto al medesimo conservatorio e laurenda in Canto, i quali questa sera eseguiranno la cosiddetta “Trilogia Verdiana”, che comprende le opere più conosciute:

Il Trovatore, Il Rigoletto e La Traviata, con trascrizioni per clarinetto e pianoforte di cui i musicisti hanno effettuato una rielaborazione con l’introduzione del soprano negli intermezzi delle arie cantate più celebri nelle opere citate. Inoltre il Trio allieterà la serata con arie da camera di autori contemporanei a Verdi, ad eccezione di Donizetti che è stato comunque uno dei più grandi compositori italiani d’opere, proponendo un continuo dialogo fra pianoforte, clarinetto e voce per apprezzare l’intensa cantabilità dei passi melodici e il virtuosismo dei momenti brillanti”.

I brani eseguiti: “Fantasia sull’opera Il Trovatore” ( In questo brano, al pari degli altri, si percepisce come il pianoforte prenda completamente le parti degli archi e dell’orchestra, mentre il clarinetto riproduce la linea vocale generando gli stessi effetti di un cantante). “Adagio” di R. Wagner risalente al 1821, trascritto per clarinetto e pianoforte. “Or che la notte invita”, un’aria per soprano, clarinetto e pianoforte “Or che la notte invita” di Gaetano Donizetti uno dei primi grandi compositori italiani.

“Fantasia da concerto sull’opera del Rigoletto”, un brano in cui le parti del clarinetto, nella complessità dell’opera, richiedono esecuzioni virtuosistiche e grande resistenza da parte del musicista. “Two songs con clarinetto obbligato” di G.A. Macfarren. “Fantasia da concerto sui motivi de La Traviata” Durante l’ascolto sono stati apprezzati la grande padronanza dello strumento, oltre alla versatilità esecutiva dimostrata sia nei passi più virtuosistici , che nei momenti di più distesa cantabilità.

Ringraziamenti finali del presidente Edem Corella che omaggia con uno splendido mazzo di fiori il soprano Caputi e la presentatrice Donatella De Luca di Maschito: “E’ stata una serata di cultura e musica fantastica che ha omaggiato uno dei nostri più grandi compositori italiani del passato, Giuseppe Verdi. Un ringraziamento particolare all’Amministrazione Comunale e ai musicisti che con la loro passione, professionalità, bravura e dedizione ci hanno deliziato in questa splendida serata.

E ovviamente il ringraziamento più grande al “nostro” soprano Elisabetta Caputi con la sua voce straordinaria che dopo essersi esibita in tante regioni ed anche all’estero negli scorsi anni, dopo svariati anni è tornata ad esibirsi nel suo paese. Ringrazio la presenza di gente venuta anche da lontano, che non hanno potuto trovare posto”.

Il Sindaco dott.Remollino ha aggiunto: “ ringrazio ovviamente i musicisti e maestri ed, in modo particolare, il soprano lirico Elisabetta Caputi, nostro talento locale che bisogna cercare di valorizzare al massimo. Bisogna che la nostra politica sappia poter valorizzare e tenere nel giusto conto i nostri talenti lucani, per evitare che cerchino altrove fortuna e lascino la nostra terra”.

Il tutto si conclude con gli Auguri di Buon Natale e la speranza che quanto prima e nel 2014 si possano organizzare tanti altri eventi di cultura e musica.

Lorenzo Zolfo