CONDIVIDI

Ripacandida – E’ tutto pronto nel piccolo centro del Vulture la macchina organizzatrice per festeggiare il santo protettore del paese, San Donato. Il presidente del comitato festa don Francesco Distasi, con i suoi collaboratori Velini, Messere, Sinisi ed altri, già da tempo ha messo in moto la macchina organizzatrice per questo evento che attira tanta gente da ogni parte della Basilicata. Quest’anno, a conclusione dei festeggiamenti in onore del Santo di Arezzo, è previsto lo spettacolo teatrale, il Diavolo Custode, del noto artista napoletano Vincenzo Salemme,che ha debuttato al festival dei due mondi di Spoleto noto a tutti gli appassionati di teatro. Si tratta come sempre di una commedia ma che, secondo le stesse intenzioni dell’artista partenopeo, partendo dall’attualità, indurrà alla riflessione con il sorriso. L’artista napoletano in giro per l’Italia con questa commedia, ha spiegato i motivi di quest’ultimo suo capolavoro:“Ho voluto fare uno spettacolo che facesse venire voglia di parlare di più con noi stessi, col diavolo che è in noi senza averne tanta paura, perché se quel diavolo è in noi forse è solo un povero diavolo e non può farci del male  e magari vorrebbe darci solo una seconda possibilità. Perché, diciamoci la verità, ci lamentiamo spesso con l’universo intero e con la vita che sono stati troppo crudeli con noi. Che ci hanno tarpato le ali, che ci hanno spezzato i sogni. E allora immaginiamo che un giorno il nostro diavolo custode salga sulla terra e venga a dirci: ‘Vuoi tornare a nascere e ricominciare daccapo? La vuoi la seconda possibilità? Ma sei sicuro che ne valga la pena? Ce la farai a fare di meglio?’. Ecco questo è il tipo di domande che vorrei farmi insieme al pubblico ridendo un po’, senza cattiveria e senza paura, su noi stessi. Perché una società civile dovrebbe consentire a chiunque di vivere con serenità senza ansie da debiti e da usurai – ha concluso – e invece oggi ci si ammazza perché non si hanno soldi. Il denaro uccide e chi non ha soldi non è niente. Ma che mondo è questo?”.Questo spettacolo si svolgerà allo stadio “San Donatello”, con posti assicurati per chiunque voglia godersi questo spettacolo divertente. Dal 27 luglio si sono succedute sante messe e Novena in onore di San Donato, il cui Santuario è gemellato con la Basilica Superioredi Assisi dal 2005, l’unico centro italiano che ha stretto rapporti di pace e fraternità con la cittadina umbra. Questo è il programma dei tre giorni: 5 agosto ore 9 il Complesso bandistico “G.Orsomando” di Rionero (che ha avuto il grande merito in questi ultimi anni di creare una scuola di musica a Ripacandida, dove già 8 componenti fanno parte attivamente del gruppo musicale), per le vie del paese. Ore 12 processione per le principali vie del paese con la statua di San Donato.
ore 21.30 “IO BALLO” esibizione di bambini e ragazzi scuola ballo di Ripacandida, diretta da Louisana – piazzale San Donato
6 agosto: ore 21 serata musicale “SKIZZEKEA”…gruppo musicale napoletano sul piazzale San Donato
7 agosto: ore 21 spettacolo teatrale “Il Diavolo Custode” di Vincenzo Salemme – stadio comunale San Donatello.

Lorenzo Zolfo

La foto ritrae San Donato in processione e la statua da poco ristrutturata ed il manifesto della commedia di Salemme.