CONDIVIDI

Ripacandida, 2012-11-10 – Dopo due nulla di fatto al Consiglio Regionale, presenti delegazioni di Ripacandida e Rionero,più di qualcuno pensa che i 30 consiglieri regionali abbiano timore nel modificare, con una legge regionale, l’assetto territoriale tra i Comuni di Ripacandida e di Rionero. E’ noto a tutti che alcune contrade alle porte di Rionero, San Francesco, Frascolla e Cappa Bianca, ricadono nella circoscrizione territoriale di Ripacandida. Il Sindaco di Rionero, A.Placido, alcuni mesi fa, ha fatto richiesta di avere questi territori, ma da Ripacandida hanno risposto, con delibere di giunta e consigli comunali: “ la legge ci tutela e negiamo la disponibilità, a qualsiasi titolo, di cessione di porzione di territorio di questo Comune a quello di Rionero in Vulture”. Martedì prossimo 13 novembre si dovrebbe riunire di nuovo il consiglio regionale su questo argomento. Intanto nella mattinata di oggi (8 novembre)Carmela Martino, a nome di tutti i componenti del comitato per difesa dei confini comunali di Ripacandida ha inviato al Sindaco una lettera di difesa di questo territorio. Ecco il contenuto: “Il Comitato per la tutela dei confini comunali di Ripacandida

                                                                                       CHIEDE

alla S.V. quale seguito, per la salvaguardia del territorio di Ripacandida conteso dal Comune di Rionero, si è inteso dare alla raccolta- firme (circa seicento) consegnate già diverse settimane fa dal suddetto comitato. Coglie l’occasione con la presente, la sottoscritta, per chiedere, altresì, alla S.V. di mettere in essere tutte le iniziative (ormai solo la politica può dare risposte in tal senso), per difendere e rappresentare in tutte le sedi politiche ed istituzionali, gli interessi territoriali di Ripacandida. Ricorda, ancora la sottoscritta, alla S.V. che martedì p.v. si terrà il Consiglio regionale ancora sul tema dei confini Ripacandida-Rionero e che sarebbe opportuno che anche Ripacandida, così come ha fatto Rionero la volta scorsa con una delegazione di circa cinquanta persone che rumoreggiavano e minacciavano persino i Consiglieri regionali, per chiedere di impadronirsi del nostro territorio, fosse presente, non per rumoreggiare o minacciare, ma per consegnare l’immagine di una comunità attenta e responsabile; a tal fine, la sottoscritta si permette di suggerire alla S.V. la convocazione di una assemblea straordinaria di Consiglieri comunali e cittadini, per mettere al corrente la comunità della problematica delicata che si sta vivendo e per cercarvi, insieme soluzioni ampiamente condivise. Il consigliere comunale di opposizione, Antonio Lettieri su questa problematica riferisce: “io penso, che alla fine la modifica verrà discussa in consiglio regionale,certo saranno apportate ancora modifiche ,ma noi non molleremo faremo di tutto perchè il territorio non è in vendita ,e non certo pensiamo di farcelo espropriare neanche dal consiglio regionale,siamo certi che che un tavolo si dovrà attivare per trovare una soluzione al problema di questi cittadini. Mi auguro che chi oggi rappresenta tutti noi in Regione abbia un po di buon senso,e mi rivolgo al presidente De Filippo, il quale deve garantire tutti i territori e non una sola parte”.

Lorenzo Zolfo