CONDIVIDI
Ripacandida, l'ex Sindaco Teodoro Potenza il primo da sinistra con altre autorità del periodo in cui è stato Sindaco 2003-2004
Ripacandida, l’ex Sindaco Teodoro Potenza il primo da sinistra con altre autorità del periodo in cui è stato Sindaco 2003-2004

Ripacandida (PZ) – Lo scorso 26 maggio si sono svolti i funerali del prof. Teodoro Potenza, docente di scuola media in pensione e Sindaco dal 1994 al 2003 del piccolo centro del Vulture.

La chiesa madre “Santa Maria del Sepolcro” non ha potuto contenere le tante persone, alcune giunte anche dai centri limitrofi. Presenti il sottosegretario dello Stato, Vito De Filippo, l’ex presidente della giunta regionale Antonio Boccia, con i quali Potenza condivideva fino all’ultimo le idee della D.C. ed attuale PD. Presenti anche gli ex Sindaci di Ripacandida, Michele Labriola, Pasquale Labriola,Sabatino Perretta, e l’attuale sindaco Antonio Pace.

Non ha voluto mancare il consigliere regionale Carmine Castelgrande.Il parroco don Francesco Consiglio ha detto: “ Teodoro è stato l’uomo delle istituzioni, al servizio del popolo. Ha avuto modo di compiere delle belle azioni, da educatore a uomo credente.

Siamo qui per testimoniare vicinanza alla moglie Donatina ed al figlio Lino. Oggi la parola di Dio ci viene in aiuto, con lo sguardo e la fede, non dimenticheremo quei gesti e quelle attenzioni, che Teodoro riservava alla sua comunità.

Teodoro è già entrato in Paradiso per il suo impegno verso gli altri”. De Filippo ha aggiunto: 2 raccolgo con molta commozione il ricordo di Teodoro, che più volte mi ha ospitato, per cui in questo momento riconosco l’angolo buio del dolore.Con lui ho avuto tante esperienze e scambi politici, si era formato ad una memorabile scuola di altruismo e di cattolicesimo.

Era un punto di riferimento.Ci mancherà fisicamente, ma i suoi consigli ed insegnamenti saranno sempre presenti in ognuno di noi, compresi i familiari. Non dimenticheremo la sua dedizione,la sua generosità e la sua gratuità”.

A chiudere gli interventi, l’attuale Sindaco di Ripacandida,Antonio Pace: “ oggi la comunità piange chi si è contraddistinto per un grande senso di equilibrio, calma e saggezza. L’unico modo per non dimenticarlo è farne tesoro di questi aspetti. Gli uomini passano, le idee restano”.