CONDIVIDI

RipacandidaLo scorso 10 luglio nel centro vulturino nella sala consiliare è stato presentato il progetto preliminare per la realizzazione del centro comunale di raccolta di rifiuti differenziati, tra il Comune ed il Commissariato Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Regione Basilicata, presieduto da Sabino Altobello. E’ intenzione del  Comune di Ripacandida  incentivare la raccolta differenziata sul proprio comune, nonché l’abbandono di rifiuti ingombranti sul proprio territorio, ed ha chiesto un primo supporto informale all’attuale Commissario del Servizio integrato dei rifiuti di Basilicata a seguito dello scioglimento delle ex Autorità d’Ambito Provinciali. Sulla scorta di tale supporto tecnico specialistico, l’Ufficio Tecnico Comunale, responsabile geometra Rocco Musto, ha redatto il progetto preliminare per la costruzione dell’isola ecologica in località Macchia di questo Comune, progetto approvato dalla Giunta Comunale il 14 giugno scorso. L’ingegner Caivano del Commissariato per il servizio Rifiuti della Regione Basilicata ha dato ampia spiegazione su questo progetto che servirà ad ottimizzare i costi e migliorare l’efficienza del servizio da parte del gestore della raccolta. Il centro di raccolta,progetto redatto dall’ufficio tecnico comunale, avrà un costo di 220 mila euro in parte finanziato dal Comune, dal Commissariato per il servizio di gestione integrata dei rifiuti della Regione Basilicata e mediante l’accesso al Fondo di Rotazione, recentemente istituito dalla Regione Basilicata. Soddisfatto il Sindaco, Giuseppe Annunziata: “ in un momento di ristrettezze economiche, il nostro Comune investe su un servizio che garantirà una più alta tutela dell’ambiente”. E’ intervenuto un cittadino di Ginestra che si lamenta del fatto che l’attuale campo sportivo del paese, inutilizzato, è diventato stoccaggio della raccolta differenziata che si attua dall’aprile del 2011.

Lorenzo Zolfo

La foto ritrae un momento dell’incontro sulla raccolta differenziata dello scorso 10 luglio.