CONDIVIDI
Antonio Lettieri
Antonio Lettieri

Ginestra, 2014-02-05 –  La protesta del Comitato Cittadino di Ripacandida “Per la Tutela dei Diritti di Tutti” ha sortito qualche effetto sulla vicenda dell’Oraziana, la strada a scorrimento veloce, i cui lavori iniziati circa 30 anni fa, non sono stati ancora ultimati. Per giovedì 6 febbraio, il presidente di questo comitato,Antonio Lettieri insieme ad altri componenti, saranno ricevuti dall’assessore alla viabilità della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi per avere notizie su questa strada. Con la costruenda superstrada “Oraziana” la cittadina Oraziana dovrebbe essere collegata velocemente con Rionero, passando per Ginestra e Ripacandida ed alla superstrada Potenza-Melfi per un totale di 21 km circa. La Provincia sta investendo tanti soldi per questa strada e ne è fortemente convinto dell’utilità di questa strada l’assessore alla Viabilità della Provincia Valluzzi, che in una conferenza stampa tenuta a Venosa aveva affermato: “ l’Oraziana nasce da un sogno di civiltà, rendere più agevole il territorio di Venosa col capoluogo di Regione. Entro il 2012 l’intero tratto sarà realizzato e si potrà raggiungere Rionero, da Venosa, in poco più di 10 minuti di tempo”.

Siamo nel 2014 e di questa strada sono stati ultimati solo 6 km, dei 21 previsti, per una spesa di 41 miliardi delle vecchie lire, il doppio di quella preventivata! Sui tempi di ultimazione dell’intero tratto non sono stati rispettati i tempi, dovuti a cedimenti e frane sul tracciato, come sui lavori del III lotto, Ripacandida-Ginestra. L’unico tratto di strada aperto al transito dei veicoli è quello riguardante il I e II lotto, che da Rionero conduce a Ripacandida, di poco più di sei km. Il III lotto Ripacandida-Ginestra è quello che sta creando i maggiori problemi per la realizzazione di questa strada, lavori fermi da anni,si sta costruendo una galleria lunga circa 400 metri, lavori eseguiti per l’80% e l’ultimazione dei lavori era previsto, da stime fatte dalla Provincia, entro giugno 2010. Questo tratto doveva essere ultimato nel 2008, come stabilito il giorno di inizio dei lavori( 4 dicembre 2007) dall’ impresa, aggiudicatrice dei lavori, e tecnici provinciali.

Ma, durante i lavori sembra sia stata riscontrata, sul tracciato, una cava di sabbia del pleistocene, sfuggita alle indagini preliminari geologiche e geognostiche. Inoltre, a detta di qualche esperto, ad inizio lavoro, si è voluto scavare la galleria dalla parte di Ginestra, in contro pendenza, tanto da far accumulare acqua sul fronte dello scavo che ha prodotto smottamenti e frane ed ostacolato ed impedito il proseguimento dei lavori. Sul IV lotto Ginestra-Venosa( 1° stralcio) i lavori sono stati interrotti dall’aprile scorso e l’ultimazione dei lavori era prevista entro luglio 2011. Anche sul 2° stralcio del IV lotto Ginestra-Venosa, i lavori sono interrotti. I Comuni interessati al completamento di questa strada, Ripacandida, Ginestra e Venosa sembra che vivano questa situazione in modo…passivo.
Lorenzo Zolfo