CONDIVIDI

RIPACANDIDA 8 LUGLIO 2015. L’ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA, LUCA BRAIA IN VISITA AL CONSORZIO PER LA TUTELA E LA VALORIZZIAZIONE DEL MIELE. “AFFRONTARE LE CRITICITA’ DEL SETTORE E RISOLVERLI”.

Braia visita produzione miele
Braia visita produzione miele

Ripacandida Lo scorso 8 luglio su invito del Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione del Miele, è giunto nel piccolo centro del Vulture, il neo-assessore regionale all’Agricoltura, Luca Braia.Presente il presidente del Consorzio, Franco Rondinella, il vice presidente, Moro, Sindaco di Castelgrande, il Sindaco di Ripacandida, dott. Remollino ed il suo vice Musto, e numerosi produttori di miele, provenienti da ogni parte della Basilicata. All’assessore Braia, gli sono state proposte nuove richieste per far crescere il miele lucano. Tra queste:rafforzamento delle attività di promozione, avviamento dell’iter per il riconoscimento di denominazione geografica IGP Miele Millefiori Lucano; Sostentamento dell’attività di ricerca e di sperimentazione orientate al miglioramento qualitativo del miele e alla sua difesa dalle malattie, più installazione di piante per le api. All’assessore è stato fatto vedere tutto il processo di produzione del miele. Rondinella ha spiegato i motivi di queste richieste: “nonostante il settore è in forte crescita, le difficoltà ci sono. Promuoviamo conoscenze dei laboratori per scuole e turisti. Corsi di aggiornamenti. Rapporti internazionali, dopo quello avuto con l’Argentina, prossimamente sarà la volta del Perù. Ci auguriamo che con le prossime approvazioni dei P.S.R. qualcosa migliori”.
L’assessore Braia, da poco ricopre questa carica per l’agricoltura, si è mostrato subito disponibile: “ mi rendo conto che ho ereditato un dipartimento che ha mostrato tanto disimpegno nei soldi, molte volte spesi male o per niente spesi. Il mio primo impegno sarà quello di mettere a sistema l’esistente con l’obiettivo di affrontare le criticità e risolverle. Migliorare la rincorsa negli acquisti quando si indicono i bandi che devono servire a migliorare il settore e non la singola azienda”.