CONDIVIDI

RIPACANDIDA. CHIESA DI S.ANTONIO PROSSIMO AL RESTAURO. LA C.E.I. STANZIA 225 MILA EURO. LA BATTAGLIA DEL COMITATO CITTADINO E’ STATA VINTA.

Ripacandida chiesa di S.Antonio
Ripacandida chiesa di S.Antonio la facciata

A Ripacandida si respira aria di festa non solo per l’imminente festa patronale, del 5-7 agosto in onore di S.Donato, ma anche per la notizia che tanto si stava aspettando, cioè lo stanziamento dei fondi per il restauro della chiesa di Sant’Antonio. La CEI con decreto ufficiale del Cardinale Bagnasco stanzia a favore della chiesa di San Bartolomeo di Ripacandida € 225.000.00. Tutto ebbe inizio nel dicembre 2013 quando un gruppo di cittadini viste le gravi condizioni in cui versa la chiesa decide di formare un comitato per il recupero della chiesa.

La prima iniziativa del comitato e quella di promuovere una raccolta firme da inviare alle istituzioni competenti per sollecitare l’interesse sulla questione. Il giorno 22 gennaio 2014 vengono consegnate in Regione ben 700 firme.
Nel giugno 2014 il comitato compie un altro passo molto importante, iscrive la chiesa al censimento ” I Luoghi del Cuore” promosso dal FAI (fondo ambiente italiano) con una nuova raccolta di firme che questa volta sono molto ben più numerose con un totale di firme raccolte pari a 1688, classificandosi al primo posto in tutta la provincia di Potenza e al quarto a livello regionale.

Lo scorso 7 novembre con delibera regionale vengono stanziati € 30.000.00 con il quale è già stato restaurato il campanile.“Ora che la CEI ha stanziato un importante somma per il restauro anche grazie al impegno della Diocesi- riferisce Donato Chiarito del comitato pro-S.Antonio- si aspettano gli ultimi permessi per iniziare i lavori che molto probabilmente prenderanno il via prima dell’arrivo del prossimo autunno. Il comitato coglie l’occasione per ringraziare tutte le persone che hanno creduto e che continuano a credere in questa importante battaglia intrapresa qualche anno fa e che porteremo avanti fino al giorno della riapertura della chiesa”.