CONDIVIDI

RIPACANDIDA. FESTA DI SAN DONATO. ALLA PRESENZA DEL VESCOVO DELLA DIOCESI, PADRE GIANFRANCO TODISCO SI RINNOVA LA PROCESSIONE ALLA PRESENZA DI TANTI PELLEGRINI ED EMIGRANTI, ALCUNI GIUNTI DALLA LONTANA AMERICA. PRESENTE PADRE ROCCO RIZZO, ORIGINARIO DI RIPACANDIDA,CONFESSORE PERSONALE DI PAPA BERGOGLIO.

Vescovo Todisco
Ripacandida processione di San Donato col Vescovo Todisco

Ripacandida. Nel piccolo centro del Vulture, lo scorso 5 agosto sono iniziati i festeggiamenti in onore di San Donato Vescovo e Martire. Santa Messa celebrata dal Vescovo della Diocesi, padre Gianfranco Todisco che ha detto: “sarebbe interessante chiedere ai tanti pellegrini il motivo della loro presenza, mi auguro che siano spinti da vera fede e non da quella fatta a misura. La grazia che tutti dovremmo chiedere a S.Donato, essere un cristiani coerenti. In tante famiglie manca la presenza di Gesù. Perciò questa festa ha la sua valenza se tornando a casa riflettiamo sulla Parola di Dio, in questo modo la fede crescerà e germoglierà in ognuno di noi. Chiediamo a S.Donato di farci essere più coscienti e responsabili indipendentemente dal ruolo che svolgiamo”. E’ seguita la processione alla presenza di tanti pellegrini ed emigranti, in tanti giunti anche dalla lontana America, con la statua di San Donato, preceduta dal suo braccio in argento (portato dal Vescovo con accanto padre Rocco Rizzo, rettore dei Penitenzieri Vaticani e confessore personale dei due Papa e don Francesco, parroco di Ripacandida) nel quale è contenuto una reliquia del Santo. Ad aprire la processione alcuni pellegrini ( fino a qualche anno fa, arrivavano a piedi) provenienti da Bella e Cancellara ( oltre 30 presenze), una di queste,Donata Gallo, proviene da Bella ( nel 2009 ha ricevuto una grazia da San Donato, in un incidente stradale è stata investita da un camion, in gravi condizioni,ha visto S.Donato e si è ripresa) ha ricevuto un miracolo. Ringraziamenti finali sul piazzale di San Donato da parte del parroco del paese, don Francesco alle autorità civili e militari ed a quanti hanno partecipato alla processione. Il Vescovo ha invitato i presenti a cambiare l’ora della processione, spostarla in serata per evitare il caldo asfissiante ed all’invito di vendere l’oro che viene esposto in bella mostra sulla statua di S.Donato per migliorare alcune strutture religiose del paese, ha ricevuto un secco no! ( per la verità solo un paio su gli oltre 1000 presenti!). Ha augurato una buona continuazione della festa (ricevendo questa volta tanti applausi).