CONDIVIDI
Ripacandida l'ultima Via crucis del 2014
Ripacandida l’ultima Via crucis del 2014

Ripacandida – Incredibile, ma vero. Dopo otto edizioni, salta la rappresentazione della Via Crucis nel piccolo centro del Vulture di poco più di 1500 abitanti. Il motivo: La difficoltà a reperire i personaggi. Iniziata in sordina, nel 2007, col passare degli anni l’evento ha fatto passi da gigante fino ad essere inserita tra le sette rappresentazioni del sacro nelle brochure dell’APT di Basilicata. Un evento organizzato dalle associazioni culturali Arcadia di Rionero e Papyrus di Ripacandida, presieduta da Edem Corella, in collaborazione con il Comune di Ripacandida. La cittadina di Ripacandida ben si presta a questo tipo di manifestazioni per due motivi: il primo legato alla sua caratteristica di paese “antico”, rimasto quasi incontaminato, con i suoi vicoli e le sue stradine che ricordano tanto Gerusalemme, e poi la vicinanza di questa comunità a San Francesco, con la sua Chiesa considerata “la piccola Assisi lucana”. A comunicare l’annullamento definitivo di questa Via Crucis, un componente dell’associazione Papyrus, Donato Potenza: “ Per migliorare la vivibilità di un paese e la sua mentalità non è sufficiente parlare davanti  i bar. Ma bisogna agire, in che modo?

1 – non aspettare sempre che qualche altro fesso del paesino lo faccia per te e gli altri solo per farti divertire!!! (siamo sempre gli stessi ad organizzare qualcosa in questo paese!).

2 – nelle associazioni e nelle manifestazioni trattasi di volontariato!…Conoscete il significato di questa parola?.Andatevelo a leggere sul vocabolario…signori miei bisogna partecipare attivamente ed impegnarsi!!!

3 – anche quando esistono altre anime che organizzano qualcosa per te..abbiate almeno il buon senso di partecipare (es. Via crucis!!!)…tutto perfettamente organizzato…cosa manca? Soldi…costumi…no!…Mancano le persone!..Bisogna pregare le persone per vestirsi….roba da matti!!!

4 – anche se non ottemperate a nessuno dei tre punti precedenti….abbiate almeno il buon senso di non scassare a criticare…a giudicare…e soprattutto ad accusare dei volontari affermando che si mettono i soldi in tasca o che pagano le persone che vengono da altri Comuni! Signori miei prima di sparare a salve e ad “aria compressa” cercate almeno di farvi un esame di coscienza e zittirvi!

Ringrazio di cuore tutti gli organizzatori ed in particolare il presidente Edem Corella…la vera anima di questo evento! Grazie….ed appuntamento al prossimo anno!”.