CONDIVIDI
Ripacandida
Ripacandida

Ripacandida, 2013-10-31 – Nel piccolo centro del vulture, il postino invece di bussare in tempo, sembra che non faccia in tempo a consegnare corrispondenza.Inviperiti alcuni cittadini, in particolare Claudio Pompa, gestore della locale pompa di benzina: “ non avendo ricevuto per niente  la bolletta per il pagamento dell’energia elettrica, ho telefonato immediatamente all’Enel, il quale mi ha invitato a pagare la bolletta ( che non ho ricevuto),altrimenti mi avrebbero staccato la corrente elettrica, mi sono fatto dare il conto della bolletta e sono andato a Rionero presso una ricevitoria addetta alla riscossione di questo servizio. Questo è successo lo scorso 28 ottobre. Siamo nel 2013, era digitale, era del computer, ma mi sembra di ritornare indietro di decenni. L’Italia è entrata in Europa, ma mi sembra che la Basilicata deve ancora entrare nel resto d’italia!” Pasquale Perretta, un pensionato, circa un anno fa, pur non avendo ricevuto la bolletta Enel a casa, alcuni giorni dopo si è visto arrivare nel laboratorio di sua proprieta’ dei tecnici Enel che gli hanno tolto la corrente elettrica: “ per ripristinare la corrente ho dovuto versare più di quattrocento euro”.

Lorenzo Zolfo