CONDIVIDI

RIPACANDIDA DAL 6 ALL’8 DICEMBRE UNA FESTA DI SAN DONATO ALL’INSEGNA DELLA FEDE, DELL’ARTE. TRA I PRESENTI, OLTRE AD ALCUNI EMIGRANTI, ANCHE IL CARDINALE G.B.RE CHE HA APPREZZATO GLI AFFRESCHI DEL SANTUARIO DI SAN DONATO.

Ripacandida Santuario di San Donato interno
Ripacandida Santuario di San Donato interno

Ripacandida – Grazie ad un contributo di provenienza Europea, il piccolo centro del Vulture, tramite l’amministrazione comunale, ha organizzato tre giorni di festa nel nome di San Donato, protettore del paese. Tre giorni nelle quali si sono svolti eventi religiosi ( una fiaccolata della Pace a 10 anni dal gemellaggio tra il Santuario di San Donato con la Basilica Superiore di Assisi, Convegno “La Genesi” sugli affreschi cinquecenteschi del Santuario di San Donato) enogastronomici ( allestimento di stand di promozione dei prodotti del vulture-melfese) e spettacoli musicali e cabaret( della Cover Band Rino Gaetano “La lana & l’amianto, del Trio “La Ricotta” di Potenza e di Antonello Costa), La festa è iniziata nella sala consiliare del Comune, con backstage e mostra fotografica ( a cura di Alessandro Guarino) sul film: Le ali del destino”, la storia di Vito Sinisi, l’eroe di Ripacandida, medaglia d’oro al valor militare, realizzata da Cinemart con la regia di Gianna Minetti (presente all’evento, insieme a Vittorio Viscardi, produttore). Il resto della festa si è svolto nel piazzale del Santuario di San Donato addobbato con le bellissime luminarie dei fratelli Ascione di Camerota (Sa). Idi rilievo il dipinto di Arte Sacra raffigurante San Donato tra San Francesco e San Donatello Autori, artisti che lavorano con i Beni Architettonici della Soprintendenza di Napoli,Luciano Latorre, direttore artistico dei murales di Satriano di Lucania, S.Angelo le Fratte e Savoia di Lucania che si è avvalso della collaborazione di Tiziana Bruno. Soddisfatto il Sindaco dott. Vito Remollino: “la festa di San Donato non si esaurisce in questi tre giorni,nostra intenzione è creare il percorso cittadino” la strada di San Donato” all’interno del paese. Un turismo religioso sulla vita e la storia di San Donato.Abbiamo realizzato 36 pannelli sugli affreschi del nostro Santuario che saranno portati in giro per l’Italia, si partirà da Matera,Capitale della Cultura 2019 ( al convegno sugli affreschi era presente anche il Sindaco Adduce) per arrivare ad Assisi. Sono fortemente convinto che le risorse immateriali siano quelle più autentiche e durevoli. Tra queste rientra la bellezza dei nostri affreschi, che rappresentano un capitale inestimabile per tutta la Basilicata”. Per questo evento è stato invitato anche il Cardinale G.B.Re, Prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi e Presidente emerito della Pontificia Commissione per l’America Latina, presente a Venosa ad un convegno sui 400 anni della nascita del Cardinale De Luca, da padre Rocco Rizzo, di Ripacandida, rettore del Collegio dei Penitenzieri in Vaticano e confessore personale dei due Papa, Bergoglio e Ratzinger. Il Cardinale Re è rimasto stupito dalla bellezza artistica di questi affreschi: un vero patrimonio storico,artistico, culturale e religioso che va promosso e valorizzato ogni giorno”. Tra gli emigranti, presente Lucia Leopaldi dalla provincia di Pistoia: “ ho rivissuto i ricordi da bambina, svegliata dai botti ed in un botto sono ritornata ai momenti belli dell’adolescenza, quando aspettavo la festa di San Donato. I sogni aiutano a vivere meglio. Noi siamo la terra, che ci nutre e l’aria che respiriamo, e non può essere uguale in nessuna parte del mondo”.