CONDIVIDI
Ripacandida consiglio comunale
Ripacandida consiglio comunale

Ripacandida (PZ), 12-10-2014 – Nel piccolo centro del Vulture l’amministrazione comunale, costituito da tre consiglieri (Sindaco dott. Vito Remollino, vice sindaco Donato Chiarito e consigliere comunale Michele Anastasia) da alcuni mesi sta attraversando un momento di crisi, dovuto al numero ridotto di consiglieri ed al passaggio di un altro nella minoranza, che può contare su tre consiglieri (Donato Musto, Donato Rondinella e Maria Labriola). Questo numero pari, lo scorso 29 settembre, ha impedito l’approvazione del provvedimento degli equilibri di bilancio. Questa mancata approvazione ha comportato la diffida ai consiglieri in carica da parte della Prefettura di Potenza. Ecco un breve contenuto della diffida: “…considerato che il consiglio comunale di Ripacandida ha approvato il bilancio di previsione per l’esercizio in corso in data 20 giugno 2014, considerato, altresì, che alla data del 30 settembre il citato Ente non ha provveduto ad effettuare la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi , così come comunicato dal segretario comunale, ritenuto, pertanto, che ricorrono i presupposti per l’avvio del procedimento sollecitatorio, diffida il consiglio comunale di Ripacandida ad effettuare, entro 20 giorni dalla data di ricezione del presente provvedimento, la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi, dando atto del permanere degli equilibri generali di bilancio ed, in caso di accertamento negativo, ad adottare i conseguenti provvedimenti di riequilibrio, con l’esplicita avvertenza che, decorso inutilmente il termine assegnato, si provvederà, in via sostitutiva alla nomina di un commissario.

Il segretario comunale è incaricato della notifica del presente provvedimento al Sindaco di Ripacandida e a tutti i consiglieri comunali”. La notifica è stata effettuata il 9 ottobre per cui entro il 28 ottobre, il Sindaco deve indire il consiglio Comunale. Lo farà sicuramente, visto l’invito da parte dei consiglieri di minoranza, inoltrato al Sindaco con lettera il 30 settembre scorso, di convocare un consiglio comunale per approvare tutti i progetti sovra comunali in atto. Sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio non si sa come si comporteranno i tre consiglieri di minoranza!