CONDIVIDI

Ripacandida – Una giovane coppia di Ripacandida,Eva e Giacomo, nei giorni scorsi, ritornando da una festa di paese, sulla strada Palazzo San Gervasio-Venosa, ritrovano un animale selvatico, in condizioni non proprio ottimali, e lo consegnano alla polizia provinciale, dopo le cure ad un centro specializzato, l’animaletto, una volpe, sembra stia bene. A raccontare questa storia a lieto fine, è la stessa Eva, una ragazza felicemente sposata e sensibile verso gli animali: “ Tornavamo alle 2 di notte da una festa di paese, quando tra Palazzo e Venosa intravedo sull’asfalto un “esserino” immobile! E’ mia abitudine, anche davanti all’ipotesi di un animale morto, di fermarmi per rimuovere dalla strada e per evitare che diventi zerbino al passaggio di altre automobili, ho fatto fermare l’auto, ed ecco la sorpresa: un cucciolo di volpe ancora vivo!

Le precauzioni da adottare erano tante, tra l’altro ferito avrebbe potuto mordermi. Confesso che in quel momento non ho pensato a questo pericolo ed ho fatto quello che c’era da fare.

Ripacandida-Eva consegna la volpe ritrovata sulla strada alla polizia provinciale
Ripacandida-Eva consegna la volpe ritrovata sulla strada alla polizia provinciale

A tal proposito, oltre a ricordare che il cucciolo è stato investito, ci tengo a denunciare qua non solo che l’investitore non si è fermato a soccorrerlo, ma anche a sottolineare che in presenza di elementi che potessero far risalire a lui si sarebbero applicati gli articoli previsti dal Codice della Strada che si applicano anche agli automobilisti che pur non essendo loro gli investitori, non si fermano a prestar soccorso.

Di certo, se avessi avuto io dei ragguagli utili per far risalire a chi aveva investito, li avrei fornito alle Forze dell’Ordine.

Per tornare a noi, aggiungo che gli animali selvatici vengono accolti in un centro appositamente creato per loro; quindi il giorno seguente, la piccola volpe ha raggiunto il Centro Recupero Animali selvatici di Pignola, dove vengono curati e dove si dedica loro anche un programma di rieducazione al loro ambiente. In molti hanno chiesto e continuano a chiedere sue notizie; colgo l’occasione per rassicurare tutti: il piccolo volpacchiotto reagisce bene alle cure!”.