CONDIVIDI

Rionero in Vulture – L’I.C. Granata ha organizzato nei giorni scorsi un Concorso musicale dal titolo significativo:“SI…viaggia…RE”. Giunto alla terza edizione, il Concorso si qualifica per essere una competizione di alto livello musicale e formativo in grado di attrarre anche scuole dalle regioni vicine. Sette le orchestre scolastiche in gara a contendersi i tre primi posti di questa competizione: l’Orchestra Acquarelli Lucani di Melfi, l’Ensemble scolastica di Lucera, l’Ensemble scolastica ” Leonardo Bianchi” di Benevento, l’Orchestra “Alighieri-Tanzi” di Mola di Bari, l’Ensemble scolastica dell’I.C. Lavello 2, l’Orchestra “Arcobaleno” di Sapri e l’Ensemble “Giovanni XXIII” di Barile.

Per le scuole che hanno partecipato optando per il pacchetto turistico, l’occasione è stata propizia per una gradevole sosta in Basilicata, arricchita da escursioni guidate nelle più belle località del Vulture (Melfi con visita al Museo Archeologico, Cascate di San Fele, Laghi di Monticchio, Venosa con visita al Parco archeologico, Rionero in Vulture e Museo del Brigantaggio).Il Concorso SI…viaggia…RE si presenta, dunque, quest’anno, in una veste più matura e articolata, decisamente cresciuta nell’impianto organizzativo e scenico, segno tangibile di una scuola in cui si lavora con professionalità e passione come denota il Dirigente, professor Domenico Quatrale, che nel salutare gli ospiti, porge i complimenti a docenti, alunni e personale scolastico per l’ottima riuscita dell’iniziativa, per la cui realizzazione, sottolinea, hanno certamente contribuito il sinergico lavoro di squadra, l’esperienza e la determinazione dei docenti nel garantire un clima accogliente e improntato alla sana competizione.

L’educazione musicale a scuola, per cui la Basilicata detiene un primato- visto l’alto numero di scuole a indirizzo musicale della regione- connota la formazione scolastica e caratterizza l’identità degli istituti, un elemento che pone in rilievo la dottoressa Debora Infante, nell’aprire la manifestazione.Negli istituti a indirizzo musicale, la musica rappresenta un plusvalore che enfatizza la formazione degli allievi e non solo perché consente l’acquisizione delle competenze musicali specifiche. L’attività strumentale e orchestrale può rappresentare, come alla Granata, il volano per l’acquisizione delle competenze europee, per una concreta attuazione della didattica per competenze.

La musica d’insieme, infatti, non solo inclina l’alunno verso l’assunzione delle competenze civiche e sociali, in quanto offre continue occasioni di esperienze basate sulle relazioni, stimola il protagonismo contenendolo nell’esperienza di gruppo, dove l’alunno divertendosi impara a partecipare e collaborare;ma essa è anche officina di valori umani, dal momento che predispone l’apprendimento a quelle emozioni positive che alimentano l’esperienza e la formazione della personalità degli alunni, facendone maturare la consapevolezza di sé e dell’importanza dell’espressione culturale e artistico-musicale.

Di alto profilo anche la commissione esaminatrice: il Dirigente Domenico Quatrale, direttore del concorso, la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Debora Infante, presidente, la Responsabile degli Istituti a indirizzo musicale Anna Travascio, Professore di clarinetto e musica da camera Walter Farina, Docente di teoria, analisi e composizione del Liceo Musicale di Potenza Vincenzo Izzi, la professoressa di Musica dell’I.C.Granata Liliana Mazzucca. Per la giuria non è stato semplice esprimere il verdetto finale visto l’alto livello delle orchestre in gara. Diversi gli organici che virtuosamente hanno disegnato partitura e arrangiamenti, ovviamente cuciti specificatamente sui membri di ogni singola formazione.

Le formazioni che prevedevano in organico gli archi, hanno saputo compensare la nota deficienza di volume di questi strumenti con orchestrazioni equilibrate e raffinate. I fiati hanno trovato un giusto sodalizio con strumenti dall’attacco decisamente più debole, pur non trascurando il coro, le voci soliste e le capriole delle percussioni a far da cornice al tutto. La gara delle orchestre ha sotteso, in verità, una competizione di idee, di programmazione, di competenza e di scrittura senza trascurare l’aspetto soggettivo che ogni parte recava con sé. Ad arricchire la vetrina musicale, l’esibizione dell’orchestra ospite “Gruppo Strumentale del Liceo Musicale “Q.O.Flacco” di Venosa, diretta dal maestro Walter Farina e la chiusura dell’Ensemble Granata sulle note dell’Inno nazionale.

L’esito finale è giunto in tarda serata, ma l’attesa ha dato spazio a un allegro momento di corale animazione con musica leggera e balli di gruppo, durante il quale il divertimento e l’euforia hanno alleggerito la tensione dei ragazzi in attesa dell’esito della giuria, contagiando anche il pubblico degli adulti. Prima classificata l’Orchestra “Alighieri-Tanzi” di Mola di Bari, al secondo posto l’Orchestra Acquarelli Lucani di Melfi e terza l’Orchestra “Arcobaleno” di Sapri. Allora Sì… viaggiare con la musica fa bene, e lo si fa portandosi a casa un carico di emozioni capaci di toccare le corde del cuore, dice in chiusura il dirigente Quatrale la cui commozione si orchestra a quella degli alunni delle scuole vincitrici, che non ci provano neanche a trattenere le lacrime che scendono copiose tra gli applausi generali della platea.