CONDIVIDI

simulazione terremotoRionero in Vulture (Pz), 05/23/2014 –  Istituto Comprensivo “M. GRANATA”,23 maggio 2014 ore 11:00: il suono prolungato di una sirena indica l’inizio di un evento sismico. Tutti gli alunni, gli insegnanti e il personale non docente della scuola, seguendo un piano ben determinato, escono dall’edificio e si radunano in punti ben definiti di raccolta, nella stessa area era già stato allestito un Campo di Protezione Civile. Il deflusso dall’istituto scolastico gestito dal personale docente incaricato, coadiuvato dal personale delle varie Associazioni di Volontariato di Protezione Civile, dal Personale della Polizia Locale e dall’Arma dei Carabinieri, si è concluso in pochissimi minuti. I volontari e le infermiere del Comitato Locale del Vulture della Croce Rossa Italiana hanno garantito l’assistenza sanitaria per tutta la durata dell’esercitazione, allestendo un Campo di Protezione Civile e provvedendo all’installazione di un P.M.A. (Posto Medico Avanzato). La mattinata è iniziata diversa dal solito per gli alunni dell’istituto coinvolti nel progetto “SCUOLA MULTIMEDIALE DIPROTEZIONE CIVILE”, prima di partecipare all’evacuazione, un gruppo di loro si è recato al campo di Protezione Civile, dove il personale della Croce Rossa impiegato nelle Attività di Emergenza, ha mostrato loro le attrezzature e i mezzi e definendo il ruolo della Croce Rossa Italiana nelle attività di Protezione Civile.

Alle 11 circa dopo l’allarme l’Istituto è stato prontamente evacuato. La simulazione è poi proseguita con il recupero e al soccorso di un alunno disperso all’interno dell’istituto. I ragazzi hanno seguito con molta attenzione le varie fasi della mattinata e sicuramente sono tornati in classe con un bagaglio conoscitivo in più nel campo della protezione civile. “L’obiettivo dell’iniziativa, – commenta Salvatore Mecca Delegato per le Attività di Emergenza del Comitato Locale del Vulture della Croce Rossa- è quello di verificare l’adeguatezza dei piani di emergenza, rilevarne i punti critici, constatare l’efficacia delle modalità di diffusione dell’allarme e l’efficienza operativa del personale.

In questo modo si potranno facilmente segnalare eventuali criticità date dal raggiungimento delle vie di fuga o dei punti di raccolta, si valuterà che i tempi di evacuazione siano adeguati alla situazione di pericolo e infine si verificheranno che i comportamenti adottati siano corretti, ordinati e tempestivi durante l’emergenza puntando l’attenzione sul miglioramento delle modalità di esecuzione. “Esercitazione ben riuscita – continua il Delegato – specialmente perchè i ragazzi hanno potuto capire quali sono i comportamenti da tenere e non tenere quando ci sono situazioni ed eventi di emergenza.

” Un’iniziativa importante perché è finalizzata alla formazione in un ambito dove la conoscenza relativa al come muoversi è fondamentale al fine di creare una cultura della sicurezza basata sulla prevenzione e sull’autoprotezione. “La scuola è il primo e più alto momento di formazione – ha commentato a caldo la dottoressa Annamaria Scalise, Commissario Cri del Comitato del Vulture– la Croce Rossa è sempre in prima linea nell’indirizzare e coadiuvare i ragazzi nelle buone pratiche, tutto parte da loro e tutto torna a loro, agli uomini che saranno, in un domani migliore.”