CONDIVIDI

Rionero in Vulture:Agosto d’arte presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Broken Glass” di Rionero con la personale di Gianna Stomeo.

galleria brokenDal 1 al 12 Agosto la Galleria d’arte contemporanea dell’Artista Roberta Lioy presenta la personale dell’artista Gianna Stomeo dal titolo “L’AZZURRO SI FA TERRA”, un evento ad ingresso libero, contornato da una serie di momenti artistici degni di nota.
Vernissage Sabato 1 Agosto alle 19.00, durante la serata seguira’ la perfomance con le olive celline dell’artista Gianna Stomeo.
Mercoledi 12 Agosto alle 19.00 finissasge con LA performance di pizzica salentina, “STORIA,CANTI E SUONI DEL SALENTO” interpretata dalla ballerina salentina Ilenia Miceli (Insegnante di danza, voce e cuore del gruppo musicale “MUTE TERRE”.
Sabato 1 agosto presso la prestigiosa Galleria d’Arte Contemporanea “Broken Glass” (in via G.Salvemini,3) in Rionero in Vulture (Pz) , dell’Artista Informale Figurinista ROBERTA LIOY si inaugura alle 19:00 la mostra personale di pittura dell’Artista Gianna Stomeo, dal titolo “L’AZZURRO SI FA TERRA”; artista presente tra gli artisti di Art&co Milano e in questo periodo espone le sue opere all’Expo Milano 2015. Durante il vernissage la performance dell’artista, acquerelli con olive celline; un evento fortemente voluto dalla Galleria D’Arte, in particolare dall’Artista Roberta Lioy e suoi collaboratori.

La mostra durerà 12 giorni e sarà aperta tutti i giorni dalle 17.30 alle 20.30. A presentare la Stomeo il 1 Agosto e salutare l’artista nel finissage il 12 Agosto, sarà la professoressa Rosa Marciello, che trascinerà i presenti nel mondo onirico dell’artista, illustrandoci le sue opere. “L’universo è ancora tutto da scoprire in un silenzio che mi culla”, questo narra Gianna Stomeo nella sua ultima e ricca produzione artistica. Desidera il silenzio, perchè è tra le sue pieghe che incontra il genio della pittura che ella abilmente e inconsapevolmente ammalia e cattura. Da questo istante il suo pennello sprofondato nei colori da inizio a un’ampia ricerca sulla tela, con brevi soste per cogliere i profondi respiri dei luoghi che incontra e scopre per poi riprendere, impaziente, il suo viaggio.
La Stomeo si dirige su passi leggeri e lievi per universi liquidi dei luoghi che incontra e scopre per poi riprendere, impaziente, il suo viaggio.
Nei percorsi, lungo il quale il suo sguardo è rivolto sempre al filo dell’orizzonte, sfiora sentieri assenti di gravità che si snodano dolcemente verso la luce alla quale ritorna ogni qualvolta lo desidera, per raccontare allo spettatore di straordinari luoghi dove meditare e che il gesto pittorico ha penetrato, tra essenze cromatiche fluttuanti.
L’artista è figlia di un sud aspro, infuocato e spietatamente esigente dal quale, lungo il suo fare artistico, che dura da oltre un ventennio, si è andata distaccando, senza per questo abbandonare, né rinnegare le sue radici.
Oggi raggiunge dimensioni trasfigurate e colme di una nuova cifra stilistica e narrativa che conferiscono un sentire che “ sostiene” tutto il suo passato di paesaggista sulle orme di Turner.
Monocromi dove il blu non è più blu, l’ocra della terra non è più ocra… le cromie ora opalescenti, ora iridescenti avviluppati in spazi turbinosi che si arrotolano e si srotolano, in ampie campiture, dove tutto è visione e passione, in una straordinaria libertà di colore.
Sono questi i viaggi di Gianna Stomeo dai quali ritorna, perché ama farcene dono, per subito progettare nuove partenze dalle quali non può farne a meno. La sua arte pittorica trova sostegno in un pensiero di J.L.Borges “dal sud, dall’est, dal nord e dall’ovest convergono le vie che mi hanno condotto al mio centro”.
Mercoledi 12 Agosto chiusura della mostra ore 19.00 e saluti della professoressa Marciello all’artista Gianna Stomeo; l’evento sarà seguito alle 20.30 con una performance di pizzica sempre della ballerina salentina Ilenia Miceli.