CONDIVIDI
tarsu
da internet

Rionero in Vulture, 2013-11-15 – In data 8 Novembre 2013 il Consiglio Comunale di Rionero in Vulture ha approvato la tariffazione relativa alla raccolta dei rifiuti solidi urbani. Il comitato cittadino che si è apposto all’eccessiva tassazione sui rifiuti dopo aver incontrato gli amministratori e la commissione bilancio del comune a cui si è trasmesso tutto il disagio in cui si trova la cittadinanza per le difficoltà economiche occupazionali e sociali del momento. Dopo aver proposto:

A) La tariffazione dell’anno 2012 con il solo aumento del 3% sufficiente a garantire la copertura totale dell’anno precedente.

B) Spamare la quota in tre rate, Dicembre,Gennaio,Febbraio 2014.

C) Rimodulazione costi per i non residenti, per i pensionati e disoccupati.

D) Eliminazione agevolazioni ai non aventi diritto e sopo aver indicato per il futuro un percorso più condiviso per la

determinazione delle tariffe.Dalla lotta all’evasione ed elusione, all’abbattimento dei costi di gestione, al miglioramento del servizio raccolta rifiuti rivedendo le forme di raccolta ecc.. si ritiene non soddisfatto del risultato raggiunto .La nuova tassazione benchè di livello inferiore alla prima proposta a nostro giudizio poteva essere meno onerosa se solo si fosse messo mano ad alcuni sprechi ed inutili spese che continuano ad appesantire la gestione della cosa pubblica.

Il comitato nel preannunciare un incontro pubblico per spiegare ai cittadini i termini della questione e poter lanciare un più ampio percorso di cittadinanza attiva.Chiarisce da subito la necessità,in vista della nuova imposta sui rifiuti prevista per il 2014 di dover rivedere il contratto e la qualità dei servizi con la ditta appaltatrice per un miglio equilibrio tra costi e benefici inoltre evidenzia la necessità di accedere al bilancio comunale per valutare,avvalendosi della collaborazione di cittadini esperti in materia,una possibile Spending Rewiew nelle casse di “Palazzo Rotunno” e una reale partecipazione della cittadinanza alle scelte strategiche del paese.

COMITATO CITTADINO NO!! TARES