CONDIVIDI
Adriana Asti-Rocco Talucci (© Ernesto Ruscio-Getty Images Europe)
Adriana Asti-Rocco Talucci (© Ernesto Ruscio-Getty Images Europe)

Il regista lucano Rocco Talucci sarà ospite della 59ª edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto con il suo ultimo film dal titolo “A.A. professione attrice”, documentario che ripercorre la carriera teatrale e cinematografica di Adriana Asti. La proiezione, che vedrà la presenza dell’attrice milanese, è in programma sabato 9 luglio 2016 alle ore 11.00 presso la Sala Frau, storico cinema di Spoleto recentemente ristrutturato. Per Talucci si tratta di un ritorno al Festival dei Due Mondi, dove nel 2013 ha presentato il film “Ritratto di sceneggiatore in un interno”. “A.A. professione attrice” è un racconto sui grandi incontri che Adriana Asti ha avuto nel suo lavoro di attrice e nel privato: gli amici scrittori Natalia Ginzburg e Giuseppe Patroni Griffi (che per lei hanno scritto due commedie portate in scena con gran successo: “Ti ho sposato per allegria” e “Gli amanti dei miei amanti sono i miei amanti”), Pier Paolo Pasolini (Adriana è la prostituta Amore nel primo film di Pasolini, “Accattone”, e grande amica del poeta e regista), Luchino Visconti (prima sulle tavole del palcoscenico e dopo al cinema con “Rocco e i suoi fratelli” e “Ludwig”), fino ad arrivare ai suoi lavori più recenti sul grande schermo (“La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana e “Pasolini” di Abel Ferrara) e in scena con “Giorni felici” con la regia di Bob Wilson e “Danza macabra” con la regia di Luca Ronconi.

Il film di Rocco Talucci mostra anche un lato poco noto e singolare di Adriana Asti, quello di scrittrice di commedie (“Alcool”, portata in scena con l’amica Franca Valeri, che in “A.A. professione attrice” partecipa con una simpatica intervista) e romanzi, che la rendono un’attrice unica nel suo genere. Al racconto di Adriana nel film si affiancano interviste a Franca Valeri, Willem Dafoe, Jean Sorel, Corrado Augias, Alessio Boni, René de Ceccatty e altri personaggi del cinema e del teatro.

Rocco Talucci è nato a Venosa (PZ) e vive a Roma, dove si occupa di ricerca teatrale e cinematografica. Ha scritto e diretto: “In memoria di un signore amico” (2009), sullo scrittore Giuseppe Patroni Griffi, documentario con Raffaele La Capria, Antonio Ghirelli, Franca Valeri, Massimo Ranieri, Lina Sastri e altri personaggi dello spettacolo italiano; “Ritratto di sceneggiatore in un interno” (2013), sullo sceneggiatore Enrico Medioli, presentato in anteprima al Festival dei Due Mondi di Spoleto, che continua ad essere proiettato per retrospettive o eventi (l’ultima proiezione il 12 maggio a Roma). Nel 2015 insieme a Gian Luigi Rondi, Irene Bignardi, Giuliano Ferrara e altri autori, scrive “Il costruttore di immagini”, monografia su Enrico Medioli pubblicata da Aska Edizioni, curando la bibliografia, la teatrografia e un saggio sull’attività teatrale del grande sceneggiatore viscontiano.

Adriana Asti
Adriana Asti

“A.A. professione attrice” è stato presentato lo scorso 24 ottobre in anteprima alla X Festa del Cinema di Roma ed è inserito nel cartellone di Capri “Schermi d’arte” 2016, dove sarà proiettato il prossimo 26 agosto nella suggestiva location di Villa San Michele, sede della Fondazione Axel Munthe. Scritto da Rocco Talucci e Maurizio Pusceddu, che ne ha curato la fotografia, con il montaggio di Francesco De Matteis e la colonna sonora di Giulia Casari, è una produzione Rosemovie.