CONDIVIDI

loca-punte-filianoFiliano(PZ), 2014-03-21 – Proseguono le attività culturali proposte dalla Pro Loco di Filiano con un appuntamento che veda il coinvolgimento dell’intera comunità, che unisca un pubblico di piccoli lettori e adulti. In tal senso non c’è nulla di più affascinante e trascinante di un percorso letterario che veda insieme bambini e genitori immersi nel mondo della punteggiatura rappresentato in maniera immaginifica. E’ con questo spirito che si svolgerà lunedì 24 marzo 2014 alle ore 14:00 presso il Salone biblioteca di Filiano l’appuntamento aperto ai genitori e al pubblico, nel corso del quale lo scrittore Gianluca Caporaso darà vita ad una conversazione fuori dagli schemi con il suo libro “I racconti di Punteville”.

L’opera, edita da Lavieri, è divenuta un caso editoriale che travalica la letteratura per bambini abbracciando un pubblico ben più vasto. Gianluca Caporaso vive e lavora a Potenza. Si occupa di solidarietà, volontariato e progettazione culturale. Prima ancora che scrittore ed esploratore di linguaggi, è un lettore. Nel suo scritto egli pone l’accento sull’idea di comunità, di incontro.

“I racconti di Punteville” sono costituiti da una serie di storie ambientate ognuna in una città caratterizzata da un segno di punteggiatura che, con le sue caratteristiche, conforma le abitudini degli abitanti: dall’indeterminatezza nella città di puntini puntini agli spazi ampi di punto e virgola.

Un libro ben curato con cronache da città lontane, evanescenti, ma estremamente affascinanti per capire la differenza tra una virgola e un punto e virgola. I segni della punteggiatura e il loro significato, spesso dimenticato, sono solo uno spunto per immaginare, per raccontare mondi diversi, strani, dimenticati anch’essi forse, ma tutti affascinanti a loro modo.

“I racconti di Punteville”, che è un libro molto curato e perfino raffinato nell’impaginazione, nella grafica, nella scelta della carta, reca come sottotitolo “Ovvero le mirabolanti cronache degli uomini che viaggiarono nelle città della punteggiatura”.

Ci si aspetterebbe un’opera dall’intento didattico, scritta per facilitare ai più giovani l’apprendimento dell’uso della punteggiatura; quindi un’opera strumentale, un libro a rischio di noia. Nulla di tutto ciò. Il libro è impreziosito dalle belle illustrazioni di Rita Petruccioli, illustratrice romana che ha studiato nella sua città e a Parigi e che ha esposto le proprie opere sia nella capitale francese che a Berlino e a Barcellona. Le figure della Petruccioli sono stilizzate e sognanti, e tuttavia ricche di particolari e molto suggestive nei loro colori pastello intensi e netti.

“I racconti di Punteville” è proposto come libro per bambini, ma la sua lettura può essere un piacere per tutti: se i bambini sogneranno con l’atmosfera fiabesca di testo ed illustrazione, gli adulti potranno apprezzare la sussurrata ironia che c’è nella descrizione delle abitudini di vita e dei sentimenti degli abitanti delle diverse città. 

L’iniziativa è organizzata dalla Pro Loco di Filiano e dalla locale Biblioteca, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Avigliano Frazioni-Filiano e Lavieri editore, e gode del patrocinio del Comune di Filiano.

Il programma prevede gli interventi di Vito Sabia della Pro Loco di Filiano, Giovanni Battista Bochicchio, assessore alla cultura di Filiano, e Giovanni Zaccagnino, dirigente scolastico. Partecipano all’incontro gli alunni della classi IV e V della Scuola Primaria di Filiano, i quali verranno immersi in un mondo fantastico e fantasioso grazie al quale vedranno sotto una nuova luce le regole della punteggiatura.

«Ancora una volta la Pro Loco mette luce su Filiano grazie alle attività culturali proposte.» dichiara il presidente della Pro Loco di Filiano, ing. Vito Filippi, al suo primo anno di mandato.